lunedì 30 giugno 2008

Super raund, for frentubo team!

Germany's Max Neukirchner (Alstare Suzuki) and Spain's Ruben Xaus (Sterilgarda Go Eleven Ducati) picked up the two wins in today's eighth round of the HANNspree FIM Superbike World Championship at the Misano World Circuit in front of 68,000 spectators. With two third places, Troy Bayliss (Ducati Xerox) increases his lead in the championship to 49 points.
Race 1: Neukirchner grabbed the win in the first race to take his second victory of the year. After playing a waiting game in the early laps, the German stepped up the pace in the second part of the race to catch and pass frontrunners Xaus and Troy Corser (Yamaha Motor Italia WSB), who went on to finish fourth and second respectively. Third place on the podium after an inconsistent run went to points leader Bayliss. Following a disappointing qualifying session, Carlos Checa (Hannspree Ten Kate Honda) managed to hold off the competitive privateer Ducatis of Lorenzo Lanzi (RG) and Jakub Smrz (Guandalini). Nurburgring winner Noriyuki Haga (Yamaha Motor Italia WSB) had a difficult race, finishing tenth after starting from row 4, while Max Biaggi (Sterilgarda Go Eleven Ducati) was taken out by Michel Fabrizio (Ducati Xerox) in a collision on lap 12.
Max Neukirchner: "Unbelievable! My team did a really good job this weekend, in the practice we changed a lot, up and down with the bike, and couldn't find the right settings, but in the race it was unbelievable. In the beginning it was not possible to get close to Bayliss and I had to push very hard, but then it was easier to find a good line. The other guys were a little bit slower than me, the two Troys, and I'm just so happy."
Troy Corser: "I didn't make it easy for myself from the start of the race because I didn't get into the first corner too well, then I touched a few riders and was about sixth or seventh on the first lap. I pushed really hard, and maybe used my tyre up a little bit because by the end of the race I had nothing left. I could see that I was a little bit faster than Bayliss and once I got past him, I pushed to catch Max, but just couldn't get him and once the tyres are greasy it's easy to throw it away so I settled for second."
Troy Bayliss: "It was really hot like every year here. I was feeling pretty confident before the race and we ended up choosing the hardest tyre in the rear. But I sort of struggled with it the whole race and then did my best laps towards the end, when it was too late, but can't take anything away from Troy and Max, they were riding really well."
Results: 1. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R1000 39'27.918 (154,197 kph); 2. Corser T. (AUS) Yamaha YZF-R1 0.542; 3. Bayliss T. (AUS) Ducati 1098 F08 2.249; 4. Xaus R. (ESP) Ducati 1098 RS 08 3.028; 5. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 5.408; 6. Lanzi L. (ITA) Ducati 1098 RS 08 5.518; 7. Smrz J. (CZE) Ducati 1098 RS 08 6.202; 8. Lavilla G. (ESP) Honda CBR1000RR 18.279; 9. Nakatomi S. (JPN) Yamaha YZF-R1 19.072; 10. Haga N. (JPN) Yamaha YZF-R1 19.132; 11. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R1000 28.098; 12. Nieto F. (ESP) Suzuki GSX-R1000 34.385; 13. Aoyama S. (JPN) Honda CBR1000RR 34.572; 14. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 34.902; 15. Checa D. (ESP) Yamaha YZF-R1 39.979; 16. Gimbert S. (FRA) Yamaha YZF-R1 44.669.
Race 2 : The second race of the day saw a sensational and unexpected 1-2 win for the private Sterilgarda Go Eleven Ducati team. The 25 points went to Ruben Xaus, who took his first win of the year, ahead of Max Biaggi, who capitalized on a mistake by Bayliss to grab the second podium slot. Fourth and fifth went to the two Yamahas of Noriyuki Haga and Troy Corser, with Nitro-Nori making amends for his disappointing race 1. Lorenzo Lanzi again went well to finish sixth, while Neukirchner was unable to repeat his brilliant race 1 win. With his eighth place finish Carlos Checa has now been overtaken by Neukirchner in the points standings.
Ruben Xaus: "It was a nice win but at the beginning it was hard. We had three starts today and the last one was the worst! I think the clutch slipped a bit and I lost a little time. I wanted to recover because I knew that Corser and Bayliss would pull away. For the first 10 laps I had a lot of movement at the rear. Then my team-mate attacked me twice, I closed the door and with ten laps to go I started to do 37s, 37s, 37s. Today my mechanics did an incredible set-up and an incredible job, a big thanks to Team Sterilgarda Go Eleven!"
Max Biaggi: "I think it was a pretty good race. I was so fed up after race 1 when Fabrizio hit me at the back and took me out. Too bad, I didn't expect that. I think this year is the most difficult or unlucky of my career, but I have to say that in Superbike we always have a second opportunity with race 2. I made a good start from row 2 and was in the top 2 or 3 all the time. In some parts I was losing and in others I was gaining, then at the end of the race my tyre went completely off and although my team-mate slowed, it wasn't enough for me."
Troy Bayliss: "Honestly I think this has been one of the hardest days of my career. I felt pretty good all weekend, but we thought the hard tyre in the first race could have been the problem. We changed that for race 2 and it was a bit better, but towards the end I was struggling and the back was coming round. Hats off to the guys, they rode brilliantly but I improved my points lead. I suppose that's what it's all about but I would have loved two wins today."
Results: 1. Xaus R. (ESP) Ducati 1098 RS 08 39'19.710 (154,734 kph); 2. Biaggi M. (ITA) Ducati 1098 RS 08 1.035; 3. Bayliss T. (AUS) Ducati 1098 F08 4.158; 4. Haga N. (JPN) Yamaha YZF-R1 5.466; 5. Corser T. (AUS) Yamaha YZF-R1 6.759; 6. Lanzi L. (ITA) Ducati 1098 RS 08 13.468; 7. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R1000 15.221; 8. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 16.687; 9. Smrz J. (CZE) Ducati 1098 RS 08 17.030; 10. Nieto F. (ESP) Suzuki GSX-R1000 17.681; 11. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098 F08 21.356; 12. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R1000 28.676; 13. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 31.304; 14. Lavilla G. (ESP) Honda CBR1000RR 32.339; 15. Nakatomi S. (JPN) Yamaha YZF-R1 33.716; 16. Checa D. (ESP) Yamaha YZF-R1 34.171.
Points (after 8 of 14 rounds): Riders - 1. Bayliss (Ducati) 259; 2. Neukirchner (Suzuki) 210; 3. Checa (Honda) 207; 4. Haga (Yamaha) 191; 5. Corser (Yamaha) 185; 6. Nieto (Suzuki) 151; 7. Xaus (Ducati) 148; 8. Biaggi (Ducati) 117; 9. Fabrizio (Ducati) 111; 10. Kiyonari (Honda) 94; etc. Manufacturers - 1. Ducati 323; 2. Yamaha 284; 3. Suzuki 257; 4. Honda 226; 5. Kawasaki 64.
FIM Supersport World Championship




Il tedesco Max Neukirchner (Suzuki) e lo spagnolo Ruben Xaus (Ducati) si sono aggiudicati le vittorie nelle due gare dell'ottavo round dell'HANNspree FIM Superbike World Championship a Misano davanti a 68.000 spettatori. Con due terzi posti, Troy Bayliss (Ducati) ha aumentato la sua leadership in classifica di 49 punti.
Gara 1: Convincente ed autoritaria vittoria, la seconda in stagione, di Neukirchner in gara 1. Il pilota tedesco, dopo una prima parte di gara attendista, ha cambiato ritmo nella seconda, andando ad agganciare e a passare il duo di testa composto da Ruben Xaus (Ducati) e Troy Corser (Yamaha), piazzatisi rispettivamente in quarta e seconda posizione. Sul terzo gradino del podio è salito il leader di campionato, Troy Bayliss (Ducati), autore di una gara un po' a strappi. Ottimo quinto posto di Carlos Checa (Honda) dopo prove un po' problematiche, che è riuscito a tenere dietro le scatenate Ducati private guidate da Lorenzo Lanzi e Jakub Smrz. Gara in difesa per Noriyuki Haga (Yamaha), che ha concluso decimo dopo essere partito dalla quarta fila. Usciti di scena due dei grandi protagonisti, Max Biaggi e Michel Fabrizio (Ducati), entrati in collisione nel corso del 12esimo giro.
Max Neukirchner: "Incredibile! Il mio team ha fatto davvero un buon lavoro questo weekend, nelle prove di qualifica abbiamo apportato molte modifiche alla moto e non riuscivamo a trovare il giusto assetto ma in gara andavo benissimo. All'inizio non riuscivo a superare Bayliss ma ho dovuto spingere molto e quando l'ho superato sono riuscito a trovare la traiettoria giusta. Oggi i due Troy erano leggermente più lenti di me e sono veramente felice di questa vittoria."
Troy Corser: "Mi sono complicato la vita fin dalla partenza perché sono entrato male nella prima curva, poi ho toccato un paio di piloti e alla fine del primo giro ero sesto o settimo. Ho spinto davvero forte e ho consumato molto la gomma anteriore perché alla fine della gara era finita. Ho visto che ero leggermente più veloce di Bayliss, l'ho superato e poi ho cercato di raggiungere Max ma quando le gomme sono cosi usurate è facile cadere così mi sono accontentato del secondo posto."
Troy Bayliss: "Era veramente caldo, come ogni anno qui. Ero molto fiducioso prima della gara e alla fine abbiamo deciso di usare la gomma più dura al posteriore. Ho avuto qualche problema durante tutta la gara ma ho fatto i miei migliori giri alla fine negli ultimi giri quando ormai era troppo tardi. Faccio i miei complimenti a Troy e Max, sono andati davvero forti."
Risultati: 1. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R1000 39'27.918 (154,197 kph); 2. Corser T. (AUS) Yamaha YZF-R1 0.542; 3. Bayliss T. (AUS) Ducati 1098 F08 2.249; 4. Xaus R. (ESP) Ducati 1098 RS 08 3.028; 5. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 5.408; 6. Lanzi L. (ITA) Ducati 1098 RS 08 5.518; 7. Smrz J. (CZE) Ducati 1098 RS 08 6.202; 8. Lavilla G. (ESP) Honda CBR1000RR 18.279; 9. Nakatomi S. (JPN) Yamaha YZF-R1 19.072; 10. Haga N. (JPN) Yamaha YZF-R1 19.132; 11. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R1000 28.098; 12. Nieto F. (ESP) Suzuki GSX-R1000 34.385; 13. Aoyama S. (JPN) Honda CBR1000RR 34.572; 14. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 34.902; 15. Checa D. (ESP) Yamaha YZF-R1 39.979; 16. Gimbert S. (FRA) Yamaha YZF-R1 44.669.
Gara 2 : Clamorosa doppietta del team Ducati Sterilgarda in gara 2. A vincere è stato Ruben Xaus, al primo successo stagionale, davanti a un ottimo Max Biaggi, che ha sfruttato un'imbarcata di Troy Bayliss (Ducati) per strappargli il secondo posto. Quarto e quinto posto per le Yamaha di Noriyuki Haga e Troy Corser, con il pilota giapponese che ha riscattato alla grande la anonima gara 1. Ancora una volta prestazione convincente di Lorenzo Lanzi (Ducati), sesto, mentre Max Neukirchner (Suzuki), settimo, non è riuscito a replicare la brillante prima prova. Solo ottavo Carlos Checa (Honda), che si è visto scavalcare in classifica generale dal pilota tedesco.
Ruben Xaus: "E' stato bello vincere ma all'inizio e' stata davvero dura. Abbiamo avuto tre partenze oggi e l'ultima e' stata sicuramente la peggiore. La frizione e' slittata un po' e ho perso un po' di secondi e poi per i primi dieci giri il posteriore ballava parecchio. Il mio compagno mi ha attaccato due volte, ho chiuso la porta e verso la fine ho iniziato a fare i giri in 1'37....I meccanici oggi hanno fatto un lavoro incredibile quindi un ringraziamento speciale va al Team Sterilgarda Go Eleven!"
Max Biaggi: "E' stata una bella gara. Ero cosi avvilito dopo gara 1, Fabrizio mi ha fatto cadere e mi ha buttato fuori. Pazienza... Penso che questo sia l'anno più difficile o sfortunato della mia carriera, ma in Superbike c'è sempre un'altra opportunità con gara 2. Ho fatto una buona partenza dalla seconda fila e sono rimasto tra i primi per tutta la gara."
Troy Bayliss: "Onestamente penso che sia stato il giorno più duro della mia carriera. In gara 2 abbiamo scelto una gomma più morbida di gara 1 ma ho avuto gli stessi problemi con il posteriore che scivolava. Tanto di cappello a Ruben e Max, hanno guidato incredibilmente bene ma sono comunque riuscito ad aumentare il mio vantaggio in classifica. Va bene cosi ma mi sarebbe piaciuto vincere entrambe le gare."
Risultati: 1. Xaus R. (ESP) Ducati 1098 RS 08 39'19.710 (154,734 kph); 2. Biaggi M. (ITA) Ducati 1098 RS 08 1.035; 3. Bayliss T. (AUS) Ducati 1098 F08 4.158; 4. Haga N. (JPN) Yamaha YZF-R1 5.466; 5. Corser T. (AUS) Yamaha YZF-R1 6.759; 6. Lanzi L. (ITA) Ducati 1098 RS 08 13.468; 7. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R1000 15.221; 8. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 16.687; 9. Smrz J. (CZE) Ducati 1098 RS 08 17.030; 10. Nieto F. (ESP) Suzuki GSX-R1000 17.681; 11. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098 F08 21.356; 12. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R1000 28.676; 13. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 31.304; 14. Lavilla G. (ESP) Honda CBR1000RR 32.339; 15. Nakatomi S. (JPN) Yamaha YZF-R1 33.716; 16. Checa D. (ESP) Yamaha YZF-R1 34.171.
Punti (dopo 8 di 14 round): Piloti - 1. Bayliss (Ducati) 259; 2. Neukirchner (Suzuki) 210; 3. Checa (Honda) 207; 4. Haga (Yamaha) 191; 5. Corser (Yamaha) 185; 6. Nieto (Suzuki) 151; 7. Xaus (Ducati) 148; 8. Biaggi (Ducati) 117; 9. Fabrizio (Ducati) 111; 10. Kiyonari (Honda) 94; etc. Costruttori - 1. Ducati 323; 2. Yamaha 284; 3. Suzuki 257; 4. Honda 226; 5. Kawasaki 64.
Mondiale Supersport
Terza vittoria in quattro gare per Andrew Pitt (Honda), che ha concluso in assoluta tranquillità dopo che il suo avversario diretto, Broc Parkes (Yamaha) è scivolato nel corso del nono giro. A Misano c'è stata la tripletta della Honda, visto che sui due restanti gradini del podio sono saliti Craig Jones e Jonathan Rea. Al quarto posto si è piazzato Fabien Foret (Yamaha), che ha perso la possibilità di lottare per il podio andando lungo alla prima curva e rientrando in 16esima posizione. Buona la prestazione di Mark Aitchison con la Triumph, che ha preceduto Massimo Roccoli, settimo e primo degli italiani. A punti sono andati anche Ivan Clementi (Triumph), Gianluca Vizziello (Honda), Gianluca Nannelli (Honda) e la wild card e leader del CIV Danilo Marrancone (Yamaha).
Risultati : 1. Pitt A. (AUS) Honda CBR600RR 37'08.387 (150,198 kph); 2. Jones C. (GBR) Honda CBR600RR 5.347; 3. Rea J. (GBR) Honda CBR600RR 9.183; 4. Foret F. (FRA) Yamaha YZF-R6 13.784; 5. Harms R. (DEN) Honda CBR600RR 15.863; 6. Aitchison M. (AUS) Triumph 675 15.967; 7. Roccoli M. (ITA) Yamaha YZF-R6 21.689; 8. Veneman B. (NED) Suzuki GSX-R600 24.070.
Punti (dopo 7 di 13 round): 1. Pitt (Honda) 113; 2. Foret (Yamaha) 97; 3. Parkes (Yamaha) 87; 4. Brookes (Honda) 85; 5. Lascorz (Honda) 81; 6. Jones (Honda) 80; 7. Rea (Honda) 67; 8. Harms (Honda) 50; etc.
Superstock 1000
Un avvincente duello tra Alex Polita (Ducati) e Davide Giugliano (Suzuki) ha contraddistinto la gara della Superstock 1000. Ci si aspettava la decisione in volata invece una scivolata di Giugliano ha lasciato via libera al rivale, che ha così centrato la prima vittoria stagionale. Sul secondo gradino del podio è salito quindi Michele Pirro (Yamaha) mentre sul terzo l'ottimo Maxime Berger (Honda), pupillo del due volte iridato Supersport Sebastien Charpentier. Brendan Roberts (Ducati), quarto, ha recuperato due punti nei confronti del leader di campionato Xavier Simeon (Suzuki) ma il belga è stato protagonista di una grandissima prova, visto che ha gareggiato con una clavicola rotta.
Risultati: 1. Polita A. (ITA) Ducati 1098R 23'37.092 (150,301 kph); 2. Pirro M. (ITA) Yamaha YZF-R 11.471; 3. Berger M. (FRA) Honda CBR1000RR 2.382; 4. Roberts B. (AUS) Ducati 1098R 5.234; 5. Simeon X. (BEL) Suzuki GSX-R1000 6.999; 6. Antonelli A. (ITA) Honda CBR1000RR 7.826; 7. Colucci D. (ITA) Ducati 1098R 11.349; 8. Foray F. (FRA) Suzuki GSX-R1000 K8 13.493.
Punti (dopo 5 di 10 round) : 1. Simeon (Suzuki) 84; 2. Roberts (Ducati) 76; 3. Polita (Ducati) 67; 4. Pirro (Yamaha) 63; 5. Berger (Honda) 59; 6. Giugliano (Suzuki) 48; etc.

mercoledì 25 giugno 2008

Team Rigo Moto

Comunicato n.7/08

21-22 GIUGNO 2008 VALLADOLID - SPAGNA
GP of SPAIN – “Supermoto World Championship 2008”

OLIVIER SCHEEN “MATADOR DE ESPANA”

Un caldissimo GP di Spagna ha salutato la prima vittoria di Olivier Scheen nella classe S3 del Campionato Europeo Supermoto.
Come nelle precenti gare Olivier ha dominato prove libere, prove ufficiali e warm-up.
La partenza di gara1 non è stata delle migliori, Pope è riuscito a scappare via e Olivier pur recuperando terreno ha chiuso secondo di manche.
Olivier si è prontamente rifatto in gara2. Indovinata la partenza, si è reso irraggiungibile per tutto il gruppo degli inseguitori ed ha chiuso saldamente al primo posto la manche staccando, con 1:22.400, il miglior tempo di classe.
Il punteggio combinato delle due gare, pari a 47 punti su 50, ha consentito a Olivier di vincere il GP di Spagna e di “sentirsi stretto” il secondo posto nella classifica generale provvisoria a sole 5 lunghezze dalla vetta della classifica.
In classe S1, che vedeva al via i “nostri” Eddy Seel e Alessandro Daverio le cose sono andate meno bene.
Seel non riusciva a trovare un assetto soddisfacente con la moto1. Decideva di usare la seconda moto nella seconda metà delle prove cronometrate riuscendo ad abbassare di cinque decimi il tempo nell'unico giro nel quale trovava la pista “libera”. Non avendo così modo di abbassare ulterirmente il crono chiudeva la sessione di prove ufficiali al 16° posto.
Tale posizione in griglia di partenza ha compromesso le due gare della Domenica.
Eddy Seel scattato dalla quarta fila ha indovinato entrambe le partenze e, in una pista cittadina dove era veramente difficile superare, recuperava con grinta chiudendo gara1 e gara2 rispettivamente in 10a e 11a posizione.
Alessandro Daverio, scattato dalla settima fila, ha recuperato anch'egli alcune posizioni, ha chiuso la prima manche 20° e manche-2 in 22a posizione. Alessandro ha dato prova di stoicismo correndo tutta la prima manche con un profondo taglio al braccio procuratosi nel corso di una caduta di gruppo, suturato poi con diversi punti, correndo così menomato tutta gara2.
Dopo tre GP iridati sugli otto totali Eddy Seel occupa la 11a posizione mentre Alessandro Daverio è 31°.
Arrivederci il 6 luglio a Viterbo dove si svolgerà la quinta e penultima prova degli “Internazionali d'Italia Supermoto 2008”.

Per i risultati e le classifiche dettagliate potete consultare questo link: classifiche






Supermoto World Championship 2008

Eddy Seel - classe S1

tempo di qualifica: 16°
gara 1: 10°
gara 2: 11°
Classifica di giornata: 9°
Classifica generale campionato: 11°

Alessandr Daverio - classe S1

tempo di qualifica: 25°
gara 1: 20°
gara 2: 22°
Classifica di giornata: 24°
Classifica generale campionato: 31°


Supermoto European Championship 2008

Olivier Scheen - classe S3

tempo di qualifica: 1°
warm-up 1°
gara 1: 2°
gara 2: 1°
Classifica di giornata: 1°
Classifica generale campionato: 2°

2003 Alex Gramigni Campionato Italiano Superbike



Alla prima del Campionato Italiano, in mezzo a tanti giovani ed agguerriti piloti, la spunta il già Campione del Mondo 125 Alex Gramigni con la YAMAHA nera assemblata con le tubazioni in treccia di acciaio e raccorderia in ergal (tipo 2)






Alex Gramigni (former 125 World Champion) wins the first race of the Championship, beating a lot of young and hard riders, riding a black YAMAHA with brake hoses in steel braid (type 2)

2005 Flavio Carlìni MotoEstate '600 Open


A sorpresa e con le tubazioni in carbotech Flavio Carlìni centra la Pole Position con la YAMAHA R1 e tra i ringraziamenti non dimentica gli amici della FREN TUBO

The outsider Flavio Carlìni with carbotech hoses on his YAMAHA R1 reaches the Pole Position and don't miss the chance to say thanks to FREN TUBO friends

martedì 24 giugno 2008


Terza tappa del Campionato Spagnolo di Velocità, categoria 125GP. Le due giovani promesse del team RCGM affrontano a viso aperto i rivali iberici, trascinati dall'onda dei buoni risultati finora raccolti sul suolo italiano.La gara è caratterizzata da una doppia partenza a causa di una caduta multipla che costringe la direzione di gara a sospendere le ostilità. Prima dello stop Lorenzo Savadori era già in terza posizione ma purtroppo non ha saputo ripetere uno spunto altrettanto brillante al secondo via. Poco male perchè dopo poche tornate è già davanti a far bagarre con il gruppo di testa. Podio sfiorato di un soffio: finisce 4° a pochi decimi dal terzo classificato ma a ben 15 dal più diretto inseguitore.Gara più difficile invece per Luca Vitali: incastrato nel folto gruppo di inseguitori non riesce a guidare come sa essendo continuamente disturbato dagli altri piloti. Termina ventesimo dopo una gara ricca di sorpassi e di sportellate.Il bilancio è buono, considerato che molti dei piloti spagnoli sono iscritti al Campionato del Mondo 125GP e conoscono a memoria il circuito di Jerez.Non resta che darci appuntamento alla prossima gara e alle prossime emozioni che l'RCGM regala incessantemente ai propri tifosi!

martedì 10 giugno 2008

raund 6 superbike by mg (yamaha france)


Superbike World ChampionshipRound 6Miller Motorsports Park (USA)6/1/08
Team YZF Yamaha
Difficult Sunday for Nakatomi
The Miller Motorsports Park race, the first one in the United States since 2004 for the Superbike World Championship, will not be unforgettable memories for the Japanese rider. Sixteenth in the first race, he retired in the second one because of a bad choice of tyre.
In front of 51,000 spectators, Spaniard Carlos Checa won superbly both races on his Ten Kate Honda. This is the first Superbike World Championship victory for the Catalan and the first this year for Honda. The championship leader Troy Bayliss (Ducati) was very unfortunate in America as he could not score any points, crashing in race 1, and retiring in race 2 with a shifter problem. Bayliss had a 78 points lead on Checa when he arrived in Salt Lake City, but left with only 28. Good races for his Ducati teammate Michel Fabrizio who climbed two times on the podium in 3rd position. German Max Neukirchner (Suzuki) was second and fourth.
Troy Corser (Yamaha) was a brilliant second in race 1, but had the bad luck to crash in race 2. Noriyuki Haga (Yamaha) hurt his right collarbone on Saturday morning when he crashed, and he fell down again in race 1. Courageously, he finished 6th in race 2.
Team-manager Martial Garcia: "To finish 16th at 34 seconds of the winner is not very good. The motorcycle had some difficulties entering the curves. The rear tyre did not last very well, like it happened to several riders. It is too bad because Nakatomi was 13th for a while. In race 2, he was the only rider to chose an A tyre, the softest compound available. Obviously, this was not a good choice."
Pictures
Race 1:
1 Checa (Honda), 2 Corser (Yamaha), 3 Fabrizio (Ducati), 4 Neukirchner (Suzuki), 5 Nieto (Suzuki)…16-Nakatomi (Yamaha)
Race 2:
1 Checa (Honda), 2 Neukirchner (Suzuki), 3 Fabrizio Ducati), 4 Biaggi (Ducati), 5 Kagayama (Suzuki)
Superbike World Championship standings:
1-Bayliss (Ducati) 194 points, 2- Checa (Honda) 166, 3- Neukirchner (Suzuki) 144, 4- Nieto (Suzuki) 126, 5-Haga (Yamaha) 122… 20-Nakatomi (Yamaha) 16
7th round of the Superbike World Cha

Superbike raund 6



La sfortuna continua a perseguitare il team Sterilgarda Go Eleven. La squadra gestita da Marco Borciani non è riuscita a raccogliere quanto avrebbe voluto, ma ha comunque fornito segnali importanti che permettono di guardare al proseguo del campionato con ritrovato ottimismo.
Max Biaggi si è reso protagonista di due ottime manche, dove in gara 2 ha sfiorato il podio, transitando sotto la bandiera a scacchi in quarta posizione. Un piazzamento costruito grazie ad una buona partenza, che portava il campione romano a conquistare sin dalla prima curva la terza piazza che occupava quasi ininterrottamente per due terzi di gara. Nelle ultime tornate era bagarre con Corser, finito poi a terra, e Fabrizio che lo precedeva sul traguardo di un solo secondo. In gara 1 Biaggi finiva fuori pista per un contatto con Haga avvenuto durante la bagarre seguente la partenza. Rientrava in diciassettesima piazza ed era bravo a recuperare sino in nona.Anche Xaus avrebbe avuto la possibilità di disputare due ottime manche, Invece lo spagnolo ha subito la medesima sorte di Biaggi, finendo fuori pista nelle fasi iniziali di gara 1 per evitare Regis Laconì, scivolatogli davanti. Rientrato in ventesima posizione ha recuperato sino al quattordicesimo posto. In gara 2 dopo essere riuscito a prodursi in una buona partenza che lo portava appena alle spalle di Biaggi, chiudeva anzitempo la gara a causa di una caduta occorsagli al settimo giro

RUBEN XAUS Ducati 1098 RS 14° classificato e ritirato: "Mi dispiace veramente. In gara 1 la situazione era compromessa sin dall’avvio, sono riuscto solamente a recuperare sin in quattordicesima piazza. In gara 2 stavo facendo bene, avevo in programma di gestire la posizione per poi attaccare nella seconda parte di gara. Invece mi è partito il posteriore facendomi finire a terra. Per fortuna non ho riportato danni fisici, solo una forte contusione al malleolo del piede sinistro".

MAX BIAGGI Ducati 1098 RS 9° e 4° classificato: "In gara 1 Haga ha come al solito azzardato una manovra oltre il limite e con il suo posteriore mi ha toccato la ruota anteriore, per poco non finivo a terra. Sono rientrato in pista e sono riuscito a realizzare una buona sequenza di giri veloci che mi hanno permesso di recuperare sino alla nona piazza. In gara 2 ho modificato leggermente il set up e mi sono trovato meglio. Purtroppo paghiamo ancora un po’ di mancanza di accelerazione, ma in gara 2 siamo riusciti ad ottimizzare la situazione realizzando comunque una buona prova. Voglio fare i complimenti alla mia squadra per l’ottimo lavoro svolto".

MARCO BORCIANI Team Manager: "Mi spiace molto. Ancora una volta Haga ha condizionato la gara di uno dei nostri due piloti, ancora una volta con una manovra troppo rischiosa. Max è stato comunque bravo a non demoralizzarsi ed a conquistare nella prima manche un buon nono posto. In gara 2 avevo sperato di riuscire a chiudere sul podio, ma voglio comunque fare i complimenti a Biaggi che ha fatto il massimo possibile. Questo risultato ci serve soprattutto per recuperare morale. Morale che dovrà recuperare per la Germania anche Ruben, che è stato veramente sfortunato. L’uscita di pista per evitare Laconi in gara 1 gli ha tolto possibilità di far bene. In gara 2 è forse stato tradito dalla troppa foga di voler riscattare l’esito della prima manche".

Micheluz e Albergoni alla grande!


MICHELUZ E ALBERGONI MONOPOLIZZANO LA CLASSE 250 4T
Autore: UFO Plast
Anche nell’unica giornata di gara valida come quinta prova degli Assoluti d’Italia di Enduro i portacolori del Team UFO Corse Yamaha Racing hanno lasciato poco spazio agli avversari. Solo la sfortuna ferma AubertANCHE A COLLEFERRO MICHELUZ E ALBERGONI MONOPOLIZZANO LA CLASSE 250 4TColleferro 26/05/08 - Dopo un mese di inattività, la massima serie nazionale dell’Enduro ha ripreso le ostilità, con la prova di una sola giornata in programma nel Lazio. E gli Assoluti d’Italia sono ripresi esattamente come li avevamo lasciati, con il Team UFO Corse Yamaha Racing protagonista assoluto della competizione. Se solo era necessaria la conferma che Simone Albergoni e Maurizio Micheluz fossero i protagonisti indiscussi della classe 250 4T, questa è arrivata oggi.Nell’eterna lotta tra i due “fratelli” questa volta ha avuto la meglio il secondo, anche se l’equilibrio è stato assoluto. Micheluz e Albergoni si sono spartiti nove delle dieci prove speciali in programma ed entrambi hanno dovuto fare i conti con un percorso altamente insidioso.A Colleferro si è corso sotto il sole, ma le abbondanti piogge dei giorni precedenti avevano reso estremamente viscido il fondo che alternava ciotoli a fango. Il primo a farne le spese è stato Micheluz, caduto nella prima prova in linea, mentre Albergoni ha pagato un ritardo a causa della caduta della catena nelle fasi finali della gara. A ogni modo il loro dominio nella classe non è mai stato in discussione e ora si trovano quasi appaiati in testa alla classifica provvisoria di categoria, separati da soli 5 punti. Rispetto ad altri appuntamenti manca all’appello Johnny Aubert nelle classifiche assolute e in quelle riservate agli stranieri. Ma la colpa non è certo del francese, che ancora una volta si è impegnato come lui sa fare. A tradirlo è stata la cruna della catena di trasmissione, che ha fermato la sua cavalcata verso una nuova importante e sicura vittoria nella graduatoria assoluta. Dopo il suo ritiro, il comando dell’assoluta è rimasto nelle mani del Team UFO Corse Yamaha Racing, rilevato da Albergoni. A sua volta, però, anche Simone ha dovuto cederlo, sempre per colpa di un problema di trasmissione.Se i due piloti in sella alle Yamaha WR 250 non hanno incontrato ostacoli nella scalata al podio, Fabrizio Dini ha dovuto fare i conti con le difficoltà derivanti dal fondo viscido nella classe 450 4T. Il toscano ha commesso qualche errore, ma al termine della giornata di gara è saldamente al secondo posto, con tre primi e altrettanti secondi migliori tempi nelle prove speciali disputate.E il distacco di poco superiore ai tre secondi dalla vetta la dice lunga sulla volontà di Dini di riuscire a completare il bottino positivo di questa trasferta. La conferma che il bilancio è decisamente valido arriva dalla classifica assoluta della gara, che vede i tre piloti del Team UFO Corse Yamaha Racing concentrati nella zona che conta: rispettivamente secondo, quarto e sesto.Le classificheClasse 250 4TDomenica1) MICHELUZ (Team UFO Corse Yamaha Racing); 2) ALBERGONI (Team UFO Corse Yamaha Racing); 3) CHERUBINI (TM); 4) COMINOTTO (KTM); 5) TELLINI (Suzuki)Classe 450 4TDomenica1) MOSSINI (Honda-HM); 2) DINI (Team UFO Corse Yamaha Racing); 3) BALLETTI (Honda-HM); 4) GRITTI (Beta); 5) CASARTELLI (Gas Gas)AssolutaDomenica1) MERRIMAN (Aprilia); 2) MICHELUZ (Team UFO Corse Yamaha Racing); 3) AHOLA (Honda-HM); 4) ALBERGONI (Team UFO Corse Yamaha Racing); 5) MOSSINI (Honda-HM); 6) DINI (Team UFO Corse Yamaha Racing)

mercoledì 4 giugno 2008

2004 Adam Givani Italian Champion


Adam Givani si conferma Campione Italiano di "Velocità in salita" per il terzo anno consecutivo. Tra gli sponsor sorride il logo FREN TUBO.
Adam Givani win again the "Sloping speed" Italian Champions (3 in a row). In the middle of the technical partners logos, FREN TUBO snake smiles.

2004 Team UFO Corse Enduro World Champion


La firma vincente (Grazie Cesare) di Stefan Merriman nel mondiale Enduro cavalcando la YAMAHA WR 250 F con i tubi speciali per fuori-strada nella versione acciaio/acciaio (tipo 1)

The winning Stefan Merriman sign (Thanks Cesare) in Enduro World Champion, riding the YAMAHA WR 250 F with special off-road brake hoses in steel/steel (type 1)

2002 Team UFO Corse Enduro World Champion


La firma vincente Peter Bergvall nel mondiale Enduro cavalcando la YAMAHA 250 4T con i tubi speciali per fuori-strada nella versione acciaio/acciaio (tipo 1)
The winning Peter Bergvall sign in Enduro World Champion, riding the YAMAHA 250 4T with special off-road brake hoses in steel/steel (type 1)

Pages

Follow by Email

Cerca nel blog

Tubi freno Honda CB 500 F ABS 2012/2015 / Honda CB 500 F ABS 2012/2015 brake lines

photo by moto it P/N 142157 Type 1 (black covered) Front and rear-steel fitting-(raccordi in acciaio con resistenza alla corrosione...