martedì 10 giugno 2008

Superbike raund 6



La sfortuna continua a perseguitare il team Sterilgarda Go Eleven. La squadra gestita da Marco Borciani non è riuscita a raccogliere quanto avrebbe voluto, ma ha comunque fornito segnali importanti che permettono di guardare al proseguo del campionato con ritrovato ottimismo.
Max Biaggi si è reso protagonista di due ottime manche, dove in gara 2 ha sfiorato il podio, transitando sotto la bandiera a scacchi in quarta posizione. Un piazzamento costruito grazie ad una buona partenza, che portava il campione romano a conquistare sin dalla prima curva la terza piazza che occupava quasi ininterrottamente per due terzi di gara. Nelle ultime tornate era bagarre con Corser, finito poi a terra, e Fabrizio che lo precedeva sul traguardo di un solo secondo. In gara 1 Biaggi finiva fuori pista per un contatto con Haga avvenuto durante la bagarre seguente la partenza. Rientrava in diciassettesima piazza ed era bravo a recuperare sino in nona.Anche Xaus avrebbe avuto la possibilità di disputare due ottime manche, Invece lo spagnolo ha subito la medesima sorte di Biaggi, finendo fuori pista nelle fasi iniziali di gara 1 per evitare Regis Laconì, scivolatogli davanti. Rientrato in ventesima posizione ha recuperato sino al quattordicesimo posto. In gara 2 dopo essere riuscito a prodursi in una buona partenza che lo portava appena alle spalle di Biaggi, chiudeva anzitempo la gara a causa di una caduta occorsagli al settimo giro

RUBEN XAUS Ducati 1098 RS 14° classificato e ritirato: "Mi dispiace veramente. In gara 1 la situazione era compromessa sin dall’avvio, sono riuscto solamente a recuperare sin in quattordicesima piazza. In gara 2 stavo facendo bene, avevo in programma di gestire la posizione per poi attaccare nella seconda parte di gara. Invece mi è partito il posteriore facendomi finire a terra. Per fortuna non ho riportato danni fisici, solo una forte contusione al malleolo del piede sinistro".

MAX BIAGGI Ducati 1098 RS 9° e 4° classificato: "In gara 1 Haga ha come al solito azzardato una manovra oltre il limite e con il suo posteriore mi ha toccato la ruota anteriore, per poco non finivo a terra. Sono rientrato in pista e sono riuscito a realizzare una buona sequenza di giri veloci che mi hanno permesso di recuperare sino alla nona piazza. In gara 2 ho modificato leggermente il set up e mi sono trovato meglio. Purtroppo paghiamo ancora un po’ di mancanza di accelerazione, ma in gara 2 siamo riusciti ad ottimizzare la situazione realizzando comunque una buona prova. Voglio fare i complimenti alla mia squadra per l’ottimo lavoro svolto".

MARCO BORCIANI Team Manager: "Mi spiace molto. Ancora una volta Haga ha condizionato la gara di uno dei nostri due piloti, ancora una volta con una manovra troppo rischiosa. Max è stato comunque bravo a non demoralizzarsi ed a conquistare nella prima manche un buon nono posto. In gara 2 avevo sperato di riuscire a chiudere sul podio, ma voglio comunque fare i complimenti a Biaggi che ha fatto il massimo possibile. Questo risultato ci serve soprattutto per recuperare morale. Morale che dovrà recuperare per la Germania anche Ruben, che è stato veramente sfortunato. L’uscita di pista per evitare Laconi in gara 1 gli ha tolto possibilità di far bene. In gara 2 è forse stato tradito dalla troppa foga di voler riscattare l’esito della prima manche".

Nessun commento:

Pages

Follow by Email

Cerca nel blog

SUPER NAKAGAMI , SUPER FRENTUBO!

Takaaki Nakagami produced a brilliant ride to take fifth place at the Italian Grand Prix, his best-ever finish in the MotoGP class. St...