mercoledì 26 settembre 2012

Staring vince in Portogallo


Grande vittoria per Staring del Team Pedercini  (il suo terzo successo in stagione).
Grande duello con il francese Barrier;resta una speranza ancora di vincere il mondiale (-22 dalla vetta)

domenica 23 settembre 2012

Checa sul podio in gara 1 / CHECA RETURNS TO THE PODIUM IN RACE 1 AT PORTIMAO THIS AFTERNOON



Portimao, 23rd September 2012: another complicated race day for the Althea Racingteam today at the ‘Autodromo Internacional do Algarve’. In race 1 Carlos Checa rode a great race to take his first podium since Brno while Davide Giugliano was robbed of his chance to do well after a collision early on in the race forced him to retire. In the second of the day’s races Giugliano was once again unlucky, suffering from presumed tyre problems while Checa was able to bounce back after a technical issue in the early stages to cross the line fifth.

After two hot and sunny days the Superbike paddock awoke to heavy rain and poor visibility on the Portimao track. After only a fifteen minute warm-up, the riders had little time to prepare for racing in these conditions. 

Race 1 – the first race became a game of two halves. In the first ‘heat’ Davide was caught up in an crash when Melandri collided with him during the very first lap. He sustained an ankle injury but unfortunately the damage is not serious. Just a few laps later, as Carlos lay in fourth position, the red flag came out due to oil left on the track after a crash for Brignola. After a half-hour break the race (shortened to sixteen laps) was restarted, but without the participation of GiuglianoChecaimmediately made up a couple of positions and then started his fight, first against McCormick and then Biaggi. On lap seven he got past the Italian and from that point the Althea rider put in a series of fastest laps, each quicker than the last, to close the gap between himself and leaders Guintoli and Sykes. Once past Guintoli, Checa continued to lap half a second quicker than Sykes and was up with him by the final stages. Despite his best efforts, and the fact he made the fastest lap of the race on the very last lap (1m56.4), he was unable to pass Tom, crossing the line in second place, 0.3 of a second after the Kawasaki rider.

Race 2 – at the end of the first lap the two Althea riders were eighth (Giugliano) and ninth (Checa). Due to the presumed traction control issue, Checa quickly lost a lot of ground in the early stages, finding himself fourteenth. Carlos deactivated and then reactivated the system and this seemed to solve the problem, allowing him to make up a lot of positions in what remained of the race. After a few laps Giugliano also slowed dramatically, due to what appeared to be a problem with the front of his bike; this meant that he returned to the garage, putting a premature end to his race. Carlos continued to gain ground throughout the rest of the race (he was tenth by lap five and seventh by lap ten). Thanks to a consistently fast pace that he was able to maintain to the line, the Spaniard closed race two in final fifth position.

At the end of this penultimate round, Checa is fourth in the standings with 278.5 points while Giugliano is eleventh with 125 points. Thanks to the results of race 1, Ducati now has 375 points and lies third in the manufacturer’s standings, with respect to the 394 held by BMW and the 422.5 held by Aprilia.

Carlos Checa:
“Second position is very positive, considering the rain, and the fact that the race was stopped. It was difficult because Tom defended himself well and it was very risky to overtake. I had to be careful to control tyre wear as it was drying out later in the race of course. At the end I tried to improve my pace, and maybe I had better pace than Tom in the final stages but I could see no clear place to overtake. Anyway we are very happy, I thank my team that has done a great job all weekend; this is a great result. In the second race I was there with the leading group but then I had a problem and I couldn’t push, I didn’t know what it was but I deactivated and then reactivated the traction control and this seemed to solve it. I was able to catch up a lot of positions but it wasn’t easy, the bike wasn’t as easy to ride as it had been in the practice sessions. Considering all that happened I think fifth is a good result. Now we will concentrate on finishing the season in the best possible way at Magny-Cours.”

Davide Giugliano:
“We didn’t need that today. In the first race contact between Melandri and I left me on the ground. I have hurt my left ankle but luckily I was able to take part in the second race. Then in that race I could feel that there was a problem almost as soon as we began, the front of the bike was not right. After I lost a lot of ground over a couple of laps I came back to the garage. We changed the tyre and I went back out to test it and it was fine, so it looks like it was an issue with the front tyre. That was a pity because I really felt that I was capable of two strong results today – next time hopefully.”

RESULTS: Race 1 - 1. Sykes (Kawasaki); 2. Checa (Ducati); 3. Guintoli (Ducati). Race 2 – 1. Laverty (Aprilia); 2. Rea (Honda); 3. Biaggi (Aprilia)

CLASSIFICATION: Riders – 1. Biaggi (Aprilia) 347; 2. Sykes (Kawasaki) 316.5; 3. Melandri (BMW) 308.5; 4. Checa(Ducati) 278.5; 5. Rea (Honda) 255.5; 6. Laverty (Aprilia) 241.5; 7. Haslam (BMW) 189; 8. Guintoli (Ducati) 172.5; 9. Davies (Aprilia) 156.5; 10. Fabrizio (BMW) 133.5; 11. Giugliano (Ducati) 125... Manufacturers – Aprilia 422.5; BMW 394;Ducati 375; Kawasaki 356.5; Honda 270.5; Suzuki 130.5


CHECA TORNA SUL PODIO IN GARA 1 OGGI A PORTIMAO
domenica 23 settembre 2012
Checa torna sul podio in gara 1 oggi a PortimaoPortimao, 23 settembre 2012: un’altro giorno di gara complicato per il team AltheaRacing oggi all’Autodromo Internacional do Algarve. Nella prima manche Carlos Checaha fatto una bella gara per salire sul podio per la prima volta dopo Brno, mentre DavideGiugliano non ha avuto l’opportunità di brillare a causa di una collisione nella prima fase che ha significato la fine della sua gara. Nella seconda manche Giugliano e’ stato ancora una volta vittima della sfortuna, soffrendo per un problema alle gomme, mentre Checa è potuto risalire dopo una difficolta’ tecnica incontrata all’inizio della gara, per chiudere in quinta posizione.

Dopo due giorni di sole e di condizioni calde, il paddock Superbike si e’ svegliato stamattina sotto una pioggia battente e con poca visibilita’ in pista. Ovviamente, dopo soli 15 minuti di warm-up, i piloti SBK non erano molto preparati per correre in queste condizioni e le strategie che forse avevano stabilito ieri dopo la Superpole non contavano piu’ nulla.

Gara 1 – La prima gara si è sviluppata in due manche. Nel primo ‘heat’ Davide e’ stato vittima di una caduta durante il primo giro quando c’e’ stato un contatto tra lui e Melandri. Si e’ fatto male alla caviglia ma fortunatamente non ci sono state conseguenze più gravi per il pilota romano, solo una contusione alla caviglia sinistra. Pochi giri dopo, mentre Carlos transitava in quarta posizione, la bandiera rossa e’ stata esposta a causa della presenza di olio in pista (dopo la caduta di Brignola). Dopo uno stop di mezz’ora la gara, adesso di soli 16 giri, è ricominciata – ma senza la partecipazione di GiuglianoCheca ha recuperato subito un paio di posizioni prima di cominciare a lottare prima con McCormick e poi con Biaggi. Al settimo giro Carlos ha sorpassato Max e da quel punto il pilota spagnolo ha fatto una serie di giri veloci per colmare il gap fra lui ed i due leader Guintoli e Sykes. Sorpassato Guintoli, Checa ha continuato a girare mezzo secondo piu’ veloce di Sykes, raggiungendolo a pochi giri dalla fine. Nonostante i suoi sforzi e l’aver fatto registrare il giro piu’ veloce della gara al ultimo giro (1’56.4), Checa non e’ riuscito a raggiungere Sykes, ed ha tagliato il traguardo in seconda posizione, a tre decimi di secondo dal pilota della Kawasaki.

Gara 2 – Alla fine del primo giro i due portacolori Althea erano ottavo (Giugliano) e nono (Checa). A causa di un probabile problema col traction control, Checa ha poi perso parecchie posizioni nella prima fase, trovandosi quattordicesimo; dopo aver disattivato e riattivo il sistema la moto andava di nuovo forte e Carlos ha potuto recuperare nelle fasi successive. Dopo qualche giro anche Giugliano ha rallentato tanto, a causa di un problema all’anteriore della sua 1198, il pilota e’ tornato al box, chiudendo in anticipo la sua gara. Checa ha continuato a fare dei progressi durante tutta la manche (era decimo al quinto giro e poi settimo al decimo) e grazie ad un buon passo mantenuto fino al traguardo, ha chiuso la seconda manche in quinta posizione finale.

Alla fine del penultimo round, Carlos si trova quarto in classifica con 278.5 punti. Giugliano e’ undicesimo con 125 punti. Grazie ai risultati di gara 1, la Ducati e’ terza nella classifica costruttori, con 375 punti dietro ai 394 di BMW ed ai 422.5 dell’Aprilia.

Carlos Checa:
“La seconda posizione e’ molto positiva, considerando la pioggia ed il fatto che la gara e’ stata fermata. E’ stata difficile perche Tom si e’ difeso molto bene nell’ultima fase e quindi provare a sorpassarlo sarebbe stato molto rischioso. Ho dovuto gestire bene le gomme perche’ l’asfalto continuava ad asciugarsi. Alla fine ho provato a migliorare il mio passo, e forse ero leggermente piu’ forte di Tom, ma non c’era spazio per passarlo. Comunque siamo molto contenti, ringrazio tutto il mio team per il grande lavoro che hanno fatto in questo weekend; questo e’ un grande risultato. Nella seconda manche ero li’ con il gruppo davanti ma poi ho avuto un problema e la moto non andava. Ho dovuto disattivare il traction control; poi l’ho riattivato, forse si e’ resettato e poi ha ripreso a funzionare correttamente. Ho fatto un bel recupero, facendo molti sorpassi – non era facile con la moto, facevo piu’ fatica rispetto a come ero andato durante le prove. Considerando tutto quello che e’ successo, il quinto posto è stato un buon piazzamento. Pensiamo alla prossima gara, dove voglio concludere questa stagione nel milgior modo possibile”.

Davide Giugliano:
“Non ci voleva quello che ci e’ successo oggi. Nella prima manche un contatto fra me e Melandri mi ha lasciato per terra. Mi sono fatto male alla caviglia sinistra ma fortunatamente ero in grado di partecipare alla seconda manche. In gara 2 poi ho sentito fin da subito che c’era qualcosa che non andava all’anteriore della mia moto. Dopo aver perso tanto terreno nell’arco di un paio di giri, sono tornato al box. Abbiamo cambiato le gomme e sono tornato in pista solo per fare qualche prova e tutto e’ andato bene, quindi sembra che sia stato un problema con la gomma anteriore. E’ un peccato perche’ mi sentivo in grado di fare due belle gare oggi, ma sara’ per la prossima volta”.

RISULTATI: Gara 1 - 1. Biaggi (Aprilia); 2. Laverty (Aprilia); 3. Davies (Aprilia). Gara 2 – 1. Laverty (Aprilia); 2. Rea (Honda); 3. Biaggi (Aprilia)

CLASSIFICA: Piloti – 1. Biaggi (Aprilia) 347; 2. Sykes (Kawasaki) 316.5; 3. Melandri (BMW) 308.5; 4. Checa (Ducati) 278.5; 5. Rea (Honda) 255.5; 6. Laverty (Aprilia) 241.5; 7. Haslam (BMW) 189; 8. Guintoli (Ducati) 172.5; 9. Davies (Aprilia) 156.5; 10. Fabrizio (BMW) 133.5; 11. Giugliano (Ducati) 125... Costruttori – Aprilia 422.5; BMW 394; Ducati 375; Kawasaki 356.5; Honda 270.5; Suzuki 130.5

(sitoalthea)

martedì 11 settembre 2012

Frentubo KIT TIPO 6 tubi freno per trial / Type 6 Frentubo Trial brakelines


Type 6 hose kit has been created for the use on TRIAL MOTORCYCLES.
The major advantages of these kits are:
- extremely reduced weight
- reduced volumetric expansion.
Type 6 hose kit is made with carbon fiber braiding plastic covered and has the following technical characteristics:


-  Internal diameter 2.5mm
-  External diameter  5.5 mm
-  Minimum bending radius: 15 mm.
-  Weight (only hose) 15 g./metro
-  Minimum bursting pressure  1000 bar
-  Black aluminium alloy fittings



These kits have to be used off-road.
THEY ARE NOT APPROVED FOR ROAD DRIVING.

We have created special p/n for these kits, since they  include both the brake hoses AND the clutch line.

p/n  400100-6 Beta Evo

p/n 510100-6 Bultaco/Sherco 290 ( weight of the kit including bolts: 106 gr.)

p/n .220100-6 Gas Gas Pro 280

p/n 240100-6 Montesa 4T ( weight of the kit including bolts: 100 gr.)

The photo illustrates kit p/n 240100-6



IL kit tipo 6 frentubo nasce
per l'utilizzo sulle moto da trial.Peso contenutissimo e bassa espansione Volumetrica le sue
maggiori doti.
Trecciatura in fibra Carbotech con rivestimento plastico.

-  Diametro interno 2.5mm- Inner tube
-  Diametro esterno 5.5 mm- outside diam.
-  Raggio minimo di curvatura 15 mm.-Min.radius of curvature mm.
-  Peso (solo tubo) 15 g./metro- weight
-  Pressione di scoppio 1000 bar - Min.burstin pressure
-  Raccordi in lega di alluminio anodizzati neri - alluminim black fitting

Queste tubazioni sono per l'utilizzo in fuoristrada e non sono omologate su strada.
Sono state inserite apposite codifiche perche' questi kit includono sia le tubazioni freno sia il tubo frizione.

cod. 400100-6 Beta Evo

cod. 510100-6 Bultaco/Sherco 290 ( peso del kit inclusi i bulloni 106 grammi)

cod.220100-6 Gas Gas Pro 280

cod.240100-6 Montesa 4T (peso del kit inclusi i bulloni 100 grammi)

Nell'immagine il kit 240100-6

domenica 9 settembre 2012

Gara 2 Davies prima vittoria;Checa sesto Giugliano settimo

Al via le Aprilia partono a razzo con Sykes al seguito. Laverty si mette alla testa della corsa con il solo pilota inglese della Kawasaki a separarlo da Biaggi. Melandri però non dorme e si posiziona subito dietro gli scarichi del romano. Max è del tutto intenzionato a fare il bis, ma la troppa foga lo tradisce. In staccata il Corsaro perde l’anteriore e finisce a terra, con la sua bella fidanzata Eleonora Pedron che si dispera ai box. Sorridono invece in BMW; Marco ha l’occasione di resettare la situazione dopo la caduta di Gara 1.

Biaggi tuttavia non si arrende e, aiutato dai commissari di gara, rimette in piedi l’RSV4 e riparte. La gara per lui ora è difficilissima. Melandri si trova davanti il solo Sykes, con dietro Chaz Davies a tenere alto il nome della Casa di Noale. Come in altre occasioni, Macho riesce a sbrigare la pratica verdona senza troppa difficoltà, e si mette in fuga verso la riconquista del primo posto del mondiale piloti. In BMW si pregustano la vittoria, ma non hanno fatto i conti con la buona stella di Biaggi, più splendente che mai sul cielo di Germania.
Nello stesso punto in cui il Corsaro era caduto, Marco finisce a terra. Rimessosi in piedi, il ravennate si da pugni sulle gambe: sa di avere perso un’occasione enorme.
Mentre Biaggi tenta una rimonta per riuscire a guadagnare più punti possibili su Macho, la davanti nasce un nuovo eroe. Davies si mette in testa il pensiero stupendo di portare lui l’Aprilia al successo. Passa la Kawa di Sykes, ormai del tutto inefficiente in staccata, e si da alla fuga. Nel contempo un gruppetto formato da Camier, Laverty e Rea si mettono alla caccia della verdona, per il secondo posto.
Sykes viene sorpassato da questi tre, ma il loro tentativo di raggiungere Davies è del tutto inutile. L’unica nota è che Laverty mette dietro Camier e fa sorridere l’Aprilia che può festeggiare un’ottima doppietta, con il suo alfiere (Biaggi) che riesce a trovare punti preziosi in una gara che sembrava più nera che mai.

realmoto.it

Gara-2
1. Chaz Davies (ParkinGO MTC Racing) Aprilia RSV4 Factory 39'00.327
2. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 39'03.349
3. Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 39'03.549
4. Jonathan Rea (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 39'06.032
5. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 39'07.631
6. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 39'07.868
7. Davide Giugliano (Althea Racing) Ducati 1098R 39'15.036
8. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 39'20.109
9. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 39'20.252
10. Sylvain Guintoli (PATA Racing Team) Ducati 1098R 39'20.355
11. Lorenzo Zanetti (PATA Racing Team) Ducati 1098R 39'25.980
12. John Hopkins (FIXI Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 39'29.469
13. Max Biaggi (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 39'29.906
14. Maxime Berger (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 39'36.417
15. Hiroshi Aoyama (Honda World Superbike Team) Honda CBR1000RR 39'41.239
16. Lorenzo Lanzi (Liberty Racing Team Effenbert) Ducati 1098R 39'50.728
17. Norino Brignola (Grillini Progea Superbike Team) BMW S1000 RR 39'24.912
RT. Brett McCormick (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 30'18.544
RT. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 17'36.790
RT. Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 15'34.320
RT. Michel Fabrizio (BMW Motorrad Italia GoldBet) BMW S1000 RR 15'57.025
RT. Alexander Lundh (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 12'11.662

Gara 1 Nurburgring . Bene Guintoli,Giuliano e Checa fuori

Cronaca di Gara
Non prendono il via Niccolò Canepa (frattura in sei punti di tibia e perone della gamba destra, già sotto i ferri al St.Josef Krankenhaus Hospital di Adenau) e David Salom (brutta botta alla testa, fermato dai medici dell’Ospedale di Coblenza), scatta dalla pole per la prima volta in questa stagione e da 17 round a questa parte Max Biaggi affiancato in prima fila da Tom Sykes, Marco Melandri ed Eugene Laverty, aprono la seconda Jonathan Rea e Carlos Checa dove Leon Camier, costretto a scattare dal fondo dello schieramento per un problema tecnico occorso alla propria Suzuki GSX-R 1000. Condizioni climatiche ottimali allo spegnimento del semaforo con Biaggi autore di un eccelente spunto al via, leader alla prima curva, non alla seconda dove Sykes sfrutta una traiettoria migliora e si presenta in testa su Biaggi, Checa, Laverty, Melandri, Giugliano e Rea, non Michel Fabrizio incappato in un rovinoso high-side in piena “Mercedes Arena”. La corsa prosegue con Sykes che prova a scappare, Checa che pressa Biaggi, ma è Melandri con un doppio-sorpasso alla staccata della prima curva a proporsi come primo avversario del “Corsaro” lasciandosi alle spalle Laverty e Checa.
Proprio Melandri in questo momento è l’oggetto del contendere in merito ad una presunta partenza anticipata: secondo le immagini parrebbe di sì, in realtà non è transitato sopra la fotocellula collocata nella propria piazzola di partenza. Resta così in gara uno degli attesi protagonisti proprio quando, nel corso del terzo giro, salutano la compagnia Carlos Checa (al primo tornantino) e Jonathan Rea (alla “Dunlop-Kurve”). Il Campione del Mondo in carica riuscirà a ripartire seppur ultimo e staccatissimo dalla testa della classifica dove Max Biaggi, con il nuovo giro record in 1’55″267, raggiunge Sykes tirandosi dietro anche Melandri. Prosegue la bagarre per il primato, altrettanto tra le Aprilia RSV4 di Davies e Laverty per il quarto posto (deciso sorpasso alla celebre variante “Veedol”), niente da fare invece per Davide Giugliano che incappa in una scivolata nel tentativo di recuperare terreno dalla sesta piazza.
Superato 1/4 della distanza di gara, si registra un clamoroso colpo di scena: Melandri, terzo ed in difficoltà nel tentativo di resistere al passo insostenibile di Sykes e Biaggi, arriva lungo all’infinito tornantino “Dunlop-Kehre” e vola a terra. Gara conclusa al quinto giro per il ravennate, si “riapre” il campionato con Biaggi virtualmente ad 1 punto e 1/2 dalla vetta della classifica, Sykes leader della corsa a -17.5 da Melandri. Per il penta-Campione del Mondo la missione è chiara: vincere per portarsi a +6.5 in classifica, per questo ci prova subito nel corso del 7° giro su Sykes alla staccata del tornantino in fondo al rettilineo dei box, ma per il momento è costretto a desistere. Un proposito di sorpasso rimandato soltanto all’undicesimo giro quando il “Corsaro” ripete la manovra e, questa volta sì, riesce nell’intento di portarsi al comando. In men che non si dica Biaggi guadagna un discreto margine nei confronti di Sykes, ora con la gomma più morbida messa a disposizione della Pirelli (la “A”) costretto a difendersi dal ritorno delle altre due RSV4 di Laverty e Davies con un passo-gara addirittura 1″ più veloce.
Prevedibilmente il riaggancio arriva a 6 tornate dal termine con i due britannici (uno irlandese, l’altro gallese) con una semplicità estrema in grado di portarsi in seconda e terza posizione a completare un podio “virtuale” tutto Aprilia. Nel frattempo la regia indugia su Carlos Checa, ora 13esimo in rimonta dopo la scivolata lasciandosi alle spalle nell’ordine John Hopkins, Lorenzo Lanzi, Brett McCormick e la superstite Kawasaki Pedercini di Alexander Lundh. Con il podio ormai definito e Sykes quarto in solitaria, per il quinto posto Leon Camier, scattato dal fondo dello schieramento, sfrutta l’uscita di scena di Loris Baz, KO per un rovinoso volo all’ex “Valvoline-Kurve” salutando la compagnia a tre giri dal termine. Si va così verso l’epilogo finale con Max Biaggi che torna alla vittoria ed in testa al mondiale, Eugene Laverty è secondo a precedere Chaz Davies con Tom Sykes ed i rimontanti Leon Camier e Sylvain Guintoli a seguire. Tra gli italiani Lorenzo Zanetti è ottavo a precedere Ayrton Badovini, a punti Lorenzo Lanzi (14°), chiude 17° Norino Brignola mentre proprio all’ultima curva Checa sfiora il contatto con Berger ritrovandosi dodicesimo all’esposizione della bandiera a scacchi.
eni FIM Superbike World Championship 2012
Nurburgring, Classifica Gara 1
01- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 20 giri in 38’52.751
02- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 3.027
03- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 3.127
04- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 12.306
05- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.131
06- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 19.523
07- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 27.017
08- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 33.116
09- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 34.937
10- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 39.132
11- Maxime Berger – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 41.000
12- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 41.125
13- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 46.925
14- Lorenzo Lanzi – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 54.659
15- Brett McCormick – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 56.342
16- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 1’09.730
17- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – + 1’43.679
Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)
da bike racing.it

sabato 8 settembre 2012

CHECA IN SECONDA FILA NELLE GARE DI DOMANI AL NURBURGRING


sabato 8 settembre 2012
Checa in seconda fila nelle gare di domani al NurburgringNürburg, 8 settembre 2012: una Superpole molto combattuta, come e’ ormai tradizione, quella del dodicesimo round del campionato Mondiale Superbike che si e’ svolta oggi pomeriggio al Nürbirgring; sulla pista tedesca i piloti Althea Racing, Carlos Checa e Davide Giugliano, si sono qualificati in sesta e nona posizione rispettivamente, per le due gare di domani.

I piloti Althea Racing erano in pista stamattina per la seconda sessione di qualifiche. In condizioni di cielo soleggiato, simili a quelle di ieri, sia Carlos che Davide hanno migliorato leggermente i loro tempi, già molto veloci, che avevano fatto segnare ieri. Mentre il campione in carica ha tolto un decimo al suo tempo a meta’ sessione, Giugliano e’ riuscito a girare quattro decimi di secondo piu’ veloce rispetto al suo miglior tempo di ieri. Considerando che i crono di quasi tutti i piloti piu’ forti sono scesi stamattina, i portacolori Althea hanno chiuso in quarta (Carlos – 1’55.2) e sesta (Davide – 1’55.3) posizione finale, una volta aggregati i risultati delle due sessioni di qualifica, qualificandosi senza problemi per la Superpole di oggi pomeriggio.

Superpole 1: nella prima fase della Superpole entrambi i piloti sono scesi in pista con gomme da gara. La sessione e’ stata interotta quasi subito quando una caduta di Salom ha lasciato la pista molto sporca. Una volta pulita, i piloti sono tornati i pista e Carlos ha fatto registrare un giro veloce in 1’54.8 che lo ha posizionato sesto. Il miglior giro di Davide – 1’55.5 – fatto registrare negli ultimi secondi, gli ha assicurato la dodicesima posizione ed il passaggio alla seconda fase.

Superpole 2: questa volta Carlos ha migliorato di mezzo secondo il tempo fatto nella prima fase, facendo registrare un 1’54.3 subito nei primi minuti, quanto bastava per assicurarsi la quarta posizione. Il 1’54.5 fatto segnare da Davide non e’ stato sufficiente per chiudere nei primi otto e purtroppo non c’e’ stato tempo per fare una seconda uscita e migliorare ancora. Il pilota italiano ha quindi chiuso in nona posizione finale.

Superpole 3: in quest’ultima fase, e con una gomma da qualifica ancora disponibile, Carlos ha fatto due giri veloci, il primo dei quali e’ stato il suo miglior crono (1’54.3). Questo tempo significa che si schiarera’ dalla seconda fila per le gare di domani, in sesta posizione.

Carlos Checa:
“Anche se nella Superpole non sono riuscito a fare i tempi dei piloti davanti a me, ma credo che forse riusciremo a stare con loro in gara. Si vede che c’e’ un calo di grip della gomma posteriore e quindi ci sara’ da gestire quella sitazione – aspettiamoci una gara calda, in cui probabilmente si soffrira’ per la gomma dal decimo giro in poi. Per il resto abbiamo lavorato bene, abbiamo fatto dei bei tempi, sia durante le prove che nelle qualifiche ed abbiamo un bel pacchetto per le gare – il target domani sara’ stare nel gruppo davanti”.

Davide Giugliano:
“Dopo la prestazione nelle sessioni di prova aspettavo di fare un po’ meglio nella Superpole. Non ci ha aiutato l’interruzione della prima fase e dopo, anche se ho fatto del mio meglio, non sono riuscito a sfruttare la gomma da qualifica e a fare il tempo veloce che serviva. Quindi partiremo dalla terza fila da dove spero di poter fare una bella partenza e stare con i piloti davanti; il buon lavoro che abbiamo fatto durante le sessioni di prove mi da fiducia per le gare di domani”.

Genesio Bevilacqua, General Manager di Althea Racing:
“Una Superpole abbastanza buona anche se ci aspettavamo qualcosa in piu’, specialmente per Carlos perche’ eravamo fiduciosi di poter andare piu’ forte rispetto ai tempi del 2011. Non voglio ritornare sempre sullo stesso argomento ma non c’e’ piu’ la competititiva’ che avevamo nella scorsa stagione; i quattro cilindri si sono migliorati molto ed e’ questa la situazione. Questa era forse l’unica pista dove noi potevamo dimostrare di essere ad un livello dove il gap si faceva sentire di meno, in realtà però questo non si’ e visto molto ma e’ comunque molto consistente. Per quanto riguarda Davide, purtroppo e’ stata una sessione difficile perche’ l’interruzione della prima fase ha significato che avevamo gia’ sprecato una gomma morbida per niente, prima della fine della sessione e questo ha avuto il suo effetto. In ogni caso Giugliano ha dimostrato di essere veloce, con un buon passo gara quindi, anche se parte dalla terza fila, credo che possa fare una gara di alto livello, nelle prime posizioni”.

TEMPI (Superpole): 1. Biaggi (Aprilia) 1’53.8; 2. Sykes (Kawasaki) 1’53.9; 3. Melandri (BMW) 1’53.9; 4. Laverty (Aprilia) 1’54.1; 5. Rea (Honda) 1’54.3; 6. Checa (Ducati) 1’54.3; 7. Camier (Suzuki) 1’55.1; 8. Baz (kawasaki) 1’55.7; 9. Giugliano (Ducati) 1’54.5; 10. Davies (Aprilia) 1’54.8

venerdì 7 settembre 2012

Carlos non molla!

 (foto da racing.blogosfere.it)


WSBK, Nurburgring: Checa stacca tutti nella Q1, Biaggi 6°, Melandri 12°

Pubblicato il 07 set 2012 da Adriano
Superbike 2012 - Mosca - Gare
Fermando il cronometro sul tempo di 1′55.307, lo spagnolo Carlos Checa (Ducati Althea Racing) si è aggiudicato il primo turno di qualifiche della Superbike per il GP di Germania, dodicesimo appuntamento del mondiale 2012. Sul tracciato del Nurburgring, il campione del mondo è stato autore di un giro superlativo che gli ha permesso di avere la meglio sul compagno di squadra Davide Giugliano, secondo a +0.443, e su Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), terzo a +0.495.
Quarto tempo per Eugene Laverty (Aprilia Racing Team, +0.506) che ha preceduto Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport, +0.521), Max Biaggi (Aprilia Racing Team, +0.531) e a Jonathan Rea (Honda World Superbike Team, +0.584), tornati di nuovo in sella alla sua Honda CBR1000RR dopo il test con la RC213V di Stoner ad Aragon. I britannici Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki, +0.642) e Chaz Davies (ParkinGO MTC Racing, +1.092) e l’italiano Lorenzo Zanetti (Ducati PATA Racing Team, +0.154) chiudono la Top 10.
Il leader della classifica Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) ha chiuso solo 12° alle spalle di Sylvain Guintoli, a +1.190 dal miglior tempo di Checa, seguito da Loris Baz(Kawasaki Racing) e dagli italiani Ayrton Badovini (14° a +1.717), Michel Fabrizio (15° a +1.770) e Niccolo Canepa (16° a +2.127). Lorenzo Lanzi ha chiuso il turno 22° con la 1098R del team Liberty Racing Effenbert ereditata da Jakub Smrz, mentre è 24° Norino Brignola con la BMW del team Grillini Progea Superbike.

www.motoblog.it 

Pages

Follow by Email

Cerca nel blog

Grande vittoria del Team Speed UP con Fabio Quartaro ! / HDR HEIDRUN-SPEED UP RACING TEAM: RACE QUARTARARO SEALS SUPERB VICTORY

HDR HEIDRUN-SPEED UP RACING TEAM: GARA QUARTARRO SIGILLA UNA VITTORIA ECCEZIONALE AL GRAN PREMIO MONSTER ENERGY Il pilota del...