mercoledì 28 settembre 2011

BRAKE LINES / TUBI FRENO YAMAHA FZ8-N/FZ8-S FAZER 800 10/11 direct


P/N 142121D Type 1 (RED covered) Front and rear-steel fitting-(raccordi in acciaio con resistenza alla corrosione 240h secondo DIN50 021-SS)-braided s.s. 304 (treccia inox 304)-Min.bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards-3 lines(front and rear)-choose the colour and the material that you prefer!-scegli il colore e il materiale che preferisci!
http://www.frentubo.com/UserFilesFCK/file/listini_catalogo/depliant_kits.zip

martedì 27 settembre 2011

BRAKE LINES / TUBI FRENO SUZUKI DL 650 ABS 2007-2010



P/N 132132 Type 1 (black covered) Front and rear-steel fitting-(raccordi in acciaio con resistenza alla corrosione 240h secondo DIN50 021-SS)-braided s.s. 304 (treccia inox 304)-Min.bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards-8 pz(front and rear)-choose the colour and the material that you prefer!-scegli il colore e il materiale che preferisci!
http://www.frentubo.com/UserFilesFCK/file/listini_catalogo/depliant_kits.zip



lunedì 26 settembre 2011

...manca un niente.../ Checa wins race two


Imola, show di ReaCheca vince gara 2
IMOLA (Bologna), 25 settembre 2011
Il nordirlandese con la Honda vince gara 1 dopo un bel duello con il giapponese dell'Aprilia. Lo spagnolo, terzo nella prima manche, si aggiudica la seconda prova e ora è pronto a festeggiare il titolo, gli basterà il 13° posto a Magny Cours

Jonathan Rea, 24 anni, due successi stagionali con la Honda
Sulla pista di casa la Ducati rinvia la festa Mondiale per tre soli punti. Ma l'attesa sarà breve perché Carlos Checa può tagliare il traguardo nel GP di Francia di domenica prossima a Magny Cours, penultimo round stagionale: gli basta un banalissimo tredicesimo posto in una delle quattro manche che restano, ammesso che Melandri (finora tre successi) le vinca tutte. La marca italiana è sempre più vicina anche al titolo Costruttori: +65 punti su 100 in palio.

batteria — Checa ha vinto con un po' di fortuna gara 2 approfittando di un problema alla batteria che ha ammutolito la Honda di Jonathan Rea largamente in testa dopo aver dominato la prima sfida. “Mi dispiace per lui ma Imola era la festa del popolo Ducati (78 mila spettatori, n.d.r.) quindi è stato bello così. Il Mondiale ormai è nostro e sarà bello cullare l'attesa per altri sette giorni”.
palmares — Il palmares 2011 di Carlito è sempre più brillante: 12 vittorie (17 in carriera) e 18 podi in 22 gare. Marco Melandri, unico inseguitore rimasto dopo il forfait di Max Biaggi fermato dalla frattura al piede sinistro, non è mai stato in gioco. Ha aperto la giornata con un sofferto ottavo posto (problemi di gomma) e ha concluso con un sudatissimo sesto dopo un'uscita di pista, retrocessione al dodicesimo e rimonta finale. In serata il ravennate della Yamaha ha definito i dettagli dell'accordo 2012 con Bmw: la firma potrebbe essere questione di ore. Il rammarico di Biaggi è stato acuito dalle belle prestazioni della RSV4 con due secondi posti del satellite Noriyuki Haga e il terzo dello scudiero Leon Camier. L'ormai ex iridato tenterà il rientro a Magny Cours.Paolo Gozzi©

(gazzetta.it)



Imola WSB: Checa wins race two as Rea retires
By Liam Marsden -
World Superbikes
25 September 2011 15:05
Althea Ducati rider Carlos Checa moved to within a whisker of securing his first World Superbike championship with victory in race two at Imola after Jonathan Rea suffered a mechanical problem while leading the race.
Checa leads championship rival Marco Melandri by 97 points going into the final two rounds, as Melandri finished sixth, despite running off track.
Rea again dominated the race, moving to the front right from the start. Rea was leading by three seconds from Checa with five laps to go when he slowed and let Checa passed. Rea looked to then pick up the pace, but it was clear there was a problem with his Castrol Honda Fireblade, forcing the Irishman to retire.
PATA Aprilia rider Noriyuki Haga took second place again after a poor start. Factory Aprilia rider Leon Camier took the final step on the podium - a great result for the Brit after he struggled in race one, finishing 15th.
Eugene Laverty and Leon Haslam made it three Brits in the top five, finishing fourth and fifth respevtively.
1. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 38'04.5382. Noriyuki Haga (PATA Racing Team Aprilia) Aprilia RSV4 Factory 38'09.1693. Leon Camier (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 38'19.6974. Eugene Laverty (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 38'21.7335. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 38'21.9266. Marco Melandri (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 38'23.0717. Sylvain Guintoli (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 38'24.1538. Joan Lascorz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 38'24.6019. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 38'28.73210. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 38'33.02311. Ruben Xaus (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 38'33.13812. Federico Sandi (Althea Racing) Ducati 1098R 38'46.34013. Maxime Berger (Supersonic Racing Team) Ducati 1098R 38'59.28814. Javier Fores (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 39'16.819RT. Alessandro Polita (Barni Racing Team S.N.C.) Ducati 1098R 34'46.265RT. Jonathan Rea (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 30'54.319RT. Michel Fabrizio (Team Suzuki Alstare) Suzuki GSX-R1000 18'19.929RT. Matteo Baiocco (Barni Racing Team) Ducati 1098R 16'36.970RT. Troy Corser (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 16'38.950RT. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team Superbike) Kawasaki ZX-10R 13'01.813RT. Roberto Rolfo (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 3'48.126RT. Jakub Smrz (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1'56.223

(motorcyclenews.com)

venerdì 23 settembre 2011

Carlos vola gia'....

23.settembre.

IMOLA - Carlos Checa subito davanti a tutti nel primo turno di prove libere del Gran Premio di Imola, 11esimo round del mondiale Superbike. Il portacolori della Ducati del team Althea, che già questo weekend può laurearsi iridato, ha fermato il cronometro sul tempo di 1'49''294, precedendo di 237 millesimi la Bmw di Leon Haslam. Marco Melandri ha trovato subito il giusto feeling con i sali e scendi del Santerno, piazzando la sua Yamaha al terzo posto con il crono di 1'49''782.

Il pilota di Ravenna ha preceduto la Ducati del team Effenbert-Liberty Racing di Jakub Smrz (1'49''910) e la Castrol Honda di Jonathan Rea equipaggiata del sistema "ride by wire" che facilita il pilota in fase
google_protectAndRun("render_ads.js::google_render_ad", google_handleError, google_render_ad);
d'accelerazione. L'irlandese ha girato in 1'49''966, davanti alla seconda delle Ducati del team Effenbert Liberty Racing, quella di Sylvain Guintoli, e agli italiani Michel Fabrizio (Suzuki) e Ayrton Badovini (Bmw Motorrad Italia). Completa la top ten l'Aprilia tricolore di Leon Camier (1'50''197) e la Yamaha di Eugene Laverty.

La prima delle Kawasaki è quella di Tom Sykes, undicesimo (1'50''442), davanti alla wildcard Alex Polita (Barni Racing Team), sorprendente con il suo 1'50''593. Il "Pirata" di Jesi si è messo alle spalle gente del calibro di Noriyuki Haga, in difficoltà con la sua Aprilia del team Pata con il 13esimo crono, e Troy Corser, solo 15esimo con la Bmw. Così gli altri italiani: 16esimo Federico Sandi (Ducati Althea) davanti a Matteo Baiocco (Ducati )


(da romagna oggi)

martedì 20 settembre 2011

Moto Guzzi Le mans 1 brake lines / tubi freno per Moto Guzzi Le Mans 1





P/N 430022-1 Type 1 Front and rear-steel fitting-(raccordi in acciaio con resistenza alla corrosione 240h secondo DIN50 021-SS)-braided s.s. 304 (treccia inox 304)-Min.bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards-4 pz(front and rear)-choose the colour and the material that you prefer!-scegli il colore e il materiale che preferisci!

lunedì 12 settembre 2011

BMW R 1100 GS 94-99 brake lines/ tubi freno per BMW R1100 GS 94/99

P/N 100019-1 Type 1 ( transparent covered)Front and rear-steel fitting-(raccordi in acciaio con resistenza alla corrosione 240h secondo DIN50 021-SS)-braided s.s. 304 (treccia inox 304)-Min.bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards-4 pz(front and rear)-choose the colour and the material that you prefer!-scegli il colore e il materiale che preferisci! http://www.frentubo.com/en/prodotti.php

lunedì 5 settembre 2011

Domenica dura per Elias



Lo spagnolo, vincitore dell’appuntamento Moto2 sammarinese dello scorso anno, scatta dall’ultima piazza della griglia di partenza, divertendosi a girare sul’1:36 basso nella prima parte della gara. Superata la metà, gli stessi problemi delle prove hanno cominciato ad infastidire il numero 24, che a quel punto non è più riuscito a mantenere il passo dei suoi avversari che si faceva sempre più incalzante giro dopo giro.
Toni Elias, LCR Honda“Stamattina nel warm up abbiamo provato qualche modifica ma alla fine non siamo riusciti a ricavarne nulla quindi siamo tornati alla nostra messa a punto iniziale prima della gara. Mi sono divertito nella prima parte quando giravo in 1:36 basso, ma poi gli altri hanno aumentato il passo girando in 1:35 e a quel punto non mi è stato possibile seguirli. Ho accusato gli stessi problemi degli ultimi due giorni di prove e non avevo confidenza con l’anteriore. Questo weekend non abbiamo fatto passi in avanti come speravamo ed è frustrante per me e i ragazzi ma continuiamo a lavorare in vista di Aragon. Questo fine settimana è stato particolare per me e presumo anche per gli altri piloti perché qui lo scorso anno abbiamo perso un amico ed un pilota di talento: il mio affetto va tutto alla famiglia di Shoya

Nurburgring wins for Checa,Sykes




Nurburgring, forfait Biaggi Checa ormai imprendibile




Nurburg (Germania), 4 settembre 2011




Il pilota dell'Aprilia non ha preso via al GP di Germania a causa della frattura al piede subìta in qualifica. Lo spagnolo della Ducati domina in gara uno e chiude definitivamente il Mondiale anche grazie al diluvio di gara 2, vinta da Sykes
Niente da fare per Max Biaggi. Il campione dell'Aprilia non ha preso il via nel GP di Germania, decima prova del Mondiale Superbike, vinto dal dolore per la frattura del primo metatarso del piede sinistro conseguenza dell'urto con un oggetto metallico sparato da una moto che precedeva durante le qualifiche di venerdi. Biaggi aveva inizialmente subìto solo una contusione ma guidando per cinquantadue giri nelle qualifiche del sabato l'osso ha ceduto pregiudicando la possibilità di correre. “Ci ho provato, ho preso il'antidolorifico ed ero riuscito ad infilare il piede fratturato in uno stivale quattro misure più grande del normale ma provandomi in sella mezz'ora prima del via ho capito che non sarei riuscito a fare forza sul piede” ha commentato Max.

Carlos Checa, classe '72, in testa al Mondiale Superbike. Afp
mondiale chiuso — La contemporanea vittoria in solitario di Carlos Checa (Ducati) ha definitivamente chiuso il Mondiale 2011. Secondo posto in rimonta per Marco Melandri (Yamaha) dopo un dritto a metà gara che lo aveva retrocesso in quarta posizione: adesso il ravennate è secondo in classifica davanti a Biaggi ma a ben 76 punti dallo spagnolo quando ne restano 175 in palio. Terza l'Aprilia del giapponese Noriyuki Haga.
diluvio — La seconda gara, partita sotto il diluvio e interrotta al tredicesimo dei venti giri, è stata una lottera che ha premiato il primo successo del britannico Tom Sykes con la Kawasaki. Beffa per il giapponese Noriyuki Haga (Aprilia) sempre davanti ma scivolato un attimo prima dello stop. Il battistrada Carlos Checa è arrivato ottavo lasciando appena due punti all'inseguitore Melandri. A tre round dalla fine (sei gare, 150 punti) lo spagnolo ha 376 punti contro 302 del ravennate. Biaggi scivolata al terzo posto con 281 punti. Prossimo round il 25 settembre a Imola, dove per la Ducati potrebbe essere festa anticipata.
risultati — Risultati del GP di Germania, 10' prova (su 13) del Mondiale Superbike disputata al Nurburgring (m. 5.137).
Gara uno (20 giri, km. 102,740): 1. Checa (Spa-Ducati) in 38'59”779 media 158,076 km/h; 2. Melandri (Ita-Yamaha) a 1”855; 3. Haga (Gia-Aprilia) a 2”322; 4. Laverty (Irl-Yamaha) a 7”789; 5. Haslam (Gb-Bmw) a 9”727; 6. Guintoli (Fra-Ducati) a 10”113; 7. Lascorz (Spa-Kawasaki) a 17”226; 8. Camier (Gb-Aprilia) a 17”228; 9. Badovini (Bmw) a 18”166; 10. Rea (Gb-Honda) a 19”457; 11. Sykes (Gb-Kawasaki) a 22”136; 12. Aitchison (Aus-Kawasaki) a 25”346; 13. Toseland (Gb-Bmw) a 31”617; 14. Rolfo (Kawasaki) a 31”796; 15. Corser (Aus-Bmw) a 33”320; 16. Fabrizio (Suzuki) a 38”149; 17. Tamada (Honda).


gara due (13 giri, km. 66,781): 1. Sykes in 29'49”337 media 134,358 km/h; 2. Guintoli a 4”063; 3. Smrz a 22”759; 4. Rea a 28”497; 5. Laverty a 38”374; 6. Melandri a 45”326; 7. Badovini a 47”030; 8. Checa a 50”032; 9. Haslam a 53”586; 13. Rolfo.
Classifica Mondiale dopo 10 round su 13: 1.Checa punti 376; 2. Melandri 302; 3. Biaggi 281; 4. Laverty 232; 5. Haslam 176; 6. Camier 154; 7. Fabrizio 141; 8. Guintoli 139; 9. Badovini 134; 10. Haga 115; 18. Rolfo 39. Marche: 1. Ducati punti 400; 2. Yamaha 351; 3. Aprilia 336; 4. Bmw 214; 5. Kawasaki 171; 6. Suzuki 158; 7. Honda 132. Paolo Gozzi© (gazzetta .it)










Nurburgring wins for Checa, Sykes
Sun, 04 Sep 15:54:00 2011
Carlos Checa roared to an emphatic 11th win of the season, while Tom Sykes clinched his first-ever World Superbikes win in Nurburgring.


Tom Sykes lived up to his reputation as a wet-race specialist to seize advantage of treacherous conditions and clinch his first-ever World Superbikes win in race two at the Nurburgring.
Sykes’ previous best was a second place finish as a wildcard in his World Superbikes debut at Donington Park in 2008, but the Kawasaki Racing Brit rode the perfect risk-free race to ensure he topped the podium for the first time.
With the race red flagged on lap 14 due to the track becoming increasingly rain-drenched, Sykes clung on after Nori Haga had led throughout only for the Japanese veteran to spectacularly skid off on lap 12.
Frenchman Sylvan Guintoli rode through in second place and teammate Jakub Smrz merely had to stay on his Team Effenbert-Liberty Racing bike to clinch the final podium spot as riders fell all around them.
Damage limitation was clearly on the mind of runaway championship leader Carlos Checa, who opted for a damage-limitation approach as he finished in eighth, as his closest title rival Marco Melandri went two places better in sixth.
With riders erring on the side of caution, Haga settled into his stride but Sykes gambled to dash past Laverty into second with Guintoli and Smrz riding close behind.
Haga, seemingly unaffected by the constantly teeming rain, rode tight lines and maintained his lead as Sykes, Guintoli and Smrz held firm, while Brit Leon Camier perished on lap 12 as he sought to force the issue.
As riders began to slip and slide on every corner, Haga lost all control and flew off the track, gifting Sykes the lead two laps before the red flag brought a much-justified premature finish to proceedings.
Jonathan Rea threw caution to the wind, which paid off despite a few shaky moments, as he clinched fourth place ahead of Eugene Laverty, while James Toseland took a painful-looking highside fall on lap eight.
The pelting conditions got the better of Leon Haslam as the BMW Mottorrad Motorsport rider tipped too far on lap three but he recovered to land ninth as only 13 riders made the finish line with Sykes standing top of the podium.
RACE TWO RESULT
1-Tom Sykes (Kawasaki Racing) 29:49.337s
2-Sylvain Guintoli (Effenbert Ducati) +4.063s
3-Jakub Smrz (Effenbert Ducati) +22.759s
4-Jonathan Rea (Castrol Honda) +28.497s
5-Eugene Laverty (Yamaha Superbike) +38.374s
6-Marco Melandri (Yamaha Superbike) +45.326s
7-Ayrton Badovini (BMW Italia) +47.030s
8-Carlos Checa (Althea Ducati) +50.032s
9-Leon Haslam (BMW Motorrad) +53.586s
10-Maxime Berger (Supersonic Ducati) +55.261s
RACE ONE REPORT
Carlos Checa roared to an emphatic 11th win of the season to surge even further away from his closest World Superbike rivals in race one at the Nurburgring.
The Spanish master was in unstoppable form, seizing the advantage with defending champion Max Biaggi sidelined due to a cracked bone in his foot after being struck by a piece of loose debris on Friday.
Ruled out of both of today’s races, Biaggi’s dreams of retaining his championship are all but over, and, after an error on lap six, nearest challenger Marco Melandri couldn’t get close to the imperious Checa, who finished 1.85 seconds ahead to command an 81-point lead in the Championship standings.
Melandri’s Yamaha fended off the challenge of Japanese veteran Nuri Haga to secure second, completing the podium without being troubled by Melandri’s Irish teammate Eugene Laverty in fourth.
Checa flew off the front row with Melandri and Laverty hanging on his tail while winner of race two at last year’s Nurburgring round, Haga, surged through from further down the pack.
Liam Haslam made early moves on fellow Brit Tom Sykes in an attempt to join the early pace-setters, but by lap two the front runners had established a four-man breakaway pack.
Despite early pressure from Melandri and Haga, the veteran Spaniard was unruffled from the off, riding perfect lines to give his rivals no opportunity to pass.
Checa’s closest challenger Melandri squeezed past Haga on lap five and began to bear down on the leader but a wobble on lap six saw his hopes dashed as he slipped back behind Haga and Laverty.
Haslam’s race hopes took a serious dent after running off track on lap six, losing serious time on the leading pack, but the BMW Mottorrad Motorsport rider responded well to clinch fifth.
Leon Camier’s sharp moves on lap 12 saw him make up for lost ground to grab eighth, while compatriot Jonathan Rea, the other winner on this track last season, finished strongly to secure tenth, one place ahead of Sykes.
Jose Toseland rode his 200th race but it would be one to forget, starting on the back row of the grid, the double World Superbike champion rolled home in 13th place as Checa once again claimed all the glory.
RACE ONE RESULT
1- Carlos Checa (Althea Ducati) - 38:59.779
2- Marco Melandri (Yamaha Superbike) +1.855
3- Noriyuki Haga (PATA Aprilia) +2.322
4- Eugene Laverty (Yamaha Superbike) +7.789
5- Leon Haslam (BMW Motorrad) +9.727
6- Sylvain Guintoli (Effenbert Ducati) +10.113
7- Joan Lascorz (Kawasaki Racing) +17.226
8- Leon Camier (Alitalia Aprilia) +17.228
9- Ayrton Badovini (BMW Motorrad) +18.166
10- Jonathan Rea (Castrol Honda) +19.457






(eurosport)




Pages

Follow by Email

Cerca nel blog

tubi freno cbr 600 f ABS 2011-2012 / cbr 600 f ABS 2011-2012 brake lines

152183 P/N 152183 Type 2 (RED covered) Front and rear-ALLUMINIUM fitting-(bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards ...