mercoledì 29 maggio 2013

Lowes con Frentubo vince a Donington! Lowes storms to Supersport win

We've got Donington!

SUPERSPORT WORLD CHAMPIONSHIP
Donington, UK
5 stage, 24-26 Мay 2013
Sunday, 25 May
Today the rider of the Russian team Yakhnich Motorsport Sam Lowes has won the race on the Donington Park Circuit. Today he did it without any doubt not giving the chance to his rivals.
Lowes came to the finish on 11 sec earlier than reigning Champion Kenan Sofuoglu. With this victory Sam increases the gap in general qualification and he can fight for the title of the Champion this season. After five races (Australia, Spain, Netherlands, Italy and UK) Lowes has 30 points. He also started 4 races from pole-position and 3 races out of five he has won. 
Sam laid the foundation on Friday, he “played” with rivals and fine withdraw the pole-position. The race started successfully from the beginning. Though on the start Kawasaki riders, for example, Florian Marino (Intermoto Ponyexpres Kawasaki), got ahead, but in the slow part of the track Sam overtook them on his R6. On the second lap Sofuoglu made a mistake and was absolutely surrounded by pursuers. A few laps for the Russian rider was enough to grow the advantage brilliantly finishing on the rear wheel. The audience greeted him with a storm of applauses. Sam was in his usual pace, all laps except the last one was within 1’31. After the race Sofuoglu recognized that he had no chance to reach Sam as the last one is too strong.    
«I wanted to win this race at any cost! Thanks a lot to my team, they helped me to do this! After the warm-up we made some settings and I even didn’t make efforts to finish in such good pace. Now we are ready to win the title of the Champion.”, - said Sam Lowes after the race.  
On the contrary, Vladimir Leonov had to make great efforts for regaining 10 positions as the Donington Park is much more narrow than track in Monza and there is only one wright trajectory in slow hairpins.
«Only in the morning we finished working with settings and during the warm-up I felt how works brakes in Donington. I was sure that could regain many positions during the race. And thought only about this when was on the start. This track is very difficult for overtakings. At the end I was very tired trying to get points for the team. It’s very important that I am getting closer with my bike after each race. I will try to get better results in Portimao and Imola.”, - said Vladimir Leonov. 

martedì 21 maggio 2013

Sherco 2013 brake lines / Tubi freno in Carbonio Sherco 2013 /














IL kit tipo 6 frentubo nasce
per l'utilizzo sulle moto da trial.Peso contenutissimo e bassa espansione Volumetrica le sue
maggiori doti.
Trecciatura in fibra Carbotech con rivestimento plastico.

-  Diametro interno 2.5mm- Inner tube
-  Diametro esterno 5.5 mm- outside diam.
-  Raggio minimo di curvatura 15 mm.-Min.radius of curvature mm.
-  Peso (solo tubo) 15 g./metro- weight
-  Pressione di scoppio 1000 bar - Min.burstin pressure
-  Raccordi in lega di alluminio anodizzati neri - alluminim black fitting

Queste tubazioni sono per l'utilizzo in fuoristrada e non sono omologate su strada.
Sono state inserite apposite codifiche perche' questi kit includono sia le tubazioni freno sia il tubo frizione.

Sherco 2013 cod:510012

Nelle foto la versione sherco realizzata dalla world trade company 

Type 6 hose kit has been created for the use on TRIAL MOTORCYCLES.
The major advantages of these kits are:
- extremely reduced weight
- reduced volumetric expansion.
Type 6 hose kit is made with carbon fiber braiding plastic covered and has the following technical characteristics:


-  Internal diameter 2.5mm
-  External diameter  5.5 mm
-  Minimum bending radius: 15 mm.
-  Weight (only hose) 15 g./metro
-  Minimum bursting pressure  1000 bar
-  Black aluminium alloy fittings



These kits have to be used off-road.
THEY ARE NOT APPROVED FOR ROAD DRIVING.

We have created special p/n for these kits, since they  include both the brake hoses AND the clutch line.

In the picture the model installed by World Trade company

In the photo Patrizia Tintori ( sales manager) and Daniele De Maria ( wtc president)

lunedì 20 maggio 2013


Red Devils a Monza: Michel Fabrizio nuovamente competitivo nei top 5!
Red Devils in Monza: Michel Fabrizio again competitive in top 5!

Monza 12 maggio, may 12th, 2013

Red Devils e Michel Fabrizio tornano nuovamente ai vertici in Superbike con una doppia prestazione degna di nota, finalmente in linea con le aspettative che vedono l'Aprilia e il rider romano a loro agio sulla pista di Monza e il team Red Devils fra i top team della Superbike.
Dopo un week end alla ricerca del giusto setting e non privo di qualche inconveniente, Michel Fabrizio incornicia due prestazioni da top rider lottando con i piloti ufficiali grazie ad una condotta di gara aggressiva ma lucida ed efficace.
Partito dalla decima posizione in griglia, Michel ha concluso gara1 in sesta posizione, non lontano dalle Aprilia ufficiali, e gara2 al quinto posto, comunque a ridosso del podio, portandosi al 7° posto assoluto nella classifica iridata. Le due gare hanno ritrovato un Michel Fabrizio generoso, combattivo e nuovamente al livello dei migliori della classe.
Red Devils and Michel Fabrizio got back to the top of the Superbike championship with a double remarkable performance, finally meeting the expectations of Aprilia and the Italian rider at ease in the Monza track, making Red Devils one of the top teams in Superbike.
After a weekend spent looking for the right setting and facing some inconveniences, Michel Fabrizio celebrates two performances as a top rider, fighting with the others thanks to an aggressive but effective strategy.
Starting in the 10th position of the grid, Michel finished 6th in Race 1 not too far from the official Aprilia and 5th in Race 2, close to the podium bringing him to the 7th position in the World Championship. Michel has proven in both races to be generous, aggressive and back to the top level.



Michel Fabrizio
Partire così indietro ci ha penalizzato molto, sia in gara1 che in gara2.
In gara1 in un giro ho perso tempo per regolare il freno davanti e anche in seguito ho avuto difficoltà a gestire il problema.
Per questo motivo, essendo Monza una pista pericolosa, non me la sono sentita di rischiare di danneggiare gli altri e ho iniziato a girare abbastanza bene solo quando sono rimasto da solo.
Per quanto riguarda gara2, ringrazio la squadra e Brembo per il lavoro sui freni, visto che sono andato decisamente meglio.
Purtroppo nel finale ho fatto un errore e mi dispiace, ma alla fine me la sono cavata.
Forse avete visto una battaglia dura con Giugliano ma non c'è niente di cui preoccuparsi. Da parte mia non c'è nessun problema... le gare sono così e lo ringrazio per essersi battuto correttamente.
Tornando al risultato, a me e alla squadra serviva questo per ricominciare a credere in noi stessi.
Avrei voluto qualcosa in più di un 6° e un 5° posto ma va bene anche così. Anzi, mi scuso se nei giorni precedenti posso essere sembrato demotivato. Ero solo un po' sottotono per non aver reso come volevo.
A Donington ricominciamo con un nuovo spirito.
Starting in tenth position in the grid was a real disadvantage both in Race 1 and Race 2.
In Race 1 I lost time in one lap to set up the brake lever and the I had difficulties in handling this issue.
Considering this and being Monza a very dangerous track, I didn't feel risking damaging other riders and I started racing well only when I was alone.
Regarding Race 2, I thank the team and Brembo for their work on the brakes that made me perform much better. Unfortunately, at the end I made a mistake and I'm sorry but I managed to came out well.
Maybe you saw a hard battle with Giugliano but nothing to get worry about. No problem from my side.. this is racing and I thank him for his fair play.
Going back to the result, we needed this to believe in ourselves again. I wish I obtained more than a 5th and 6th position but I'm very satisfied.
I'm sorry if previously I seemed demotivated, I was just distressed about my performance.
 In Donington we will start with a new spirit.

Andrea Petricca
Gare come queste sono il motivo per il quale da tanti anni sono impegnato nelle corse con la stessa passione del primo giorno e per il quale abbiamo chiamato Michel a lavorare con noi.
Finalmente il nostro cuore ha palpitato per un risultato che conta e il  finale è la giusta ricompensa per gli sforzi di noi tutti.
Va detto che comunque siamo soddisfatti ma non appagati. Un ottimo pilota è competitivo in tutte le piste e noi aspettiamo un Michel aggressivo e competitivo anche a Donington.
Vogliamo i risultati e il cuore; sappiamo che con l'impegno Michel può darci entrambi.
These kind of races are the reason why I've been involved so many years in this environment with the same passion as the early days and why we asked Michel to work with us.
Finally we were thrilled by a top notch result, the right reward for all our efforts.
However, we are not fully satisfied. A real top rider is competitive in every track so we expect Michel to be aggressive and competitive also in Donington.
We want results and a ful heart. We know that a committed Michel can give us both.


Michel apre il suo cuore/Michel opens his heart
Michel mette il cuore in tutto quello che fa. Il suo impegno in pista è da sempre contornato da una serie di iniziative benefiche, spesso lontane dalla luce dei riflettori.
In questa occasione, però, Michel ha voluto chiedere attenzione e lanciare un messaggio a favore delle cure compassionevoli.
La piccola Sofia, balzata alle cronache per il negato accesso alle cure tramite cellule staminali, è da sempre nel cuore di MIchel e del team Red Devils (ultimamente anche coinvolto emotivamente dalla vicenda dei due Marò Italiani trattenuti in India).
Il messaggio di amore e di richiesta di attenzione si è concretizzato nella realizzazione di un casco dedicato alla piccola Sofia. Un invito a lottare, ma anche un invito all'attenzione da parte delle autorità a questo tipo di problematiche. Michel Fabrizio ringrazia Red Devils Team e X-Lite e spera che presto chi ha bisogno non debba più rinunciare a guarire.
Michel puts his heart in everything he does. His racing activity has always been coupled with aid for charity, frequently far from the spot lights.
In this occasion, however, Michel asked for the highlights in order to send a message in favour of compassionate treatments.
Little Sofia, in the news because of the denied access to care with stem cells, has always been into Michels and Red Devils teams hearts (lately emotionally involved in the events of the two Italian Marò kept in India also).
The message of love and seek for attention was put into action with the making of an helmet dedicated to little Sofia.
An invitation to fight but also to pay attention send to authorities for this type of problems.
Michel Fabrizio would like to thank Red Devils team and X-Lite and wishes that soon whos in need will never have to quit hoping of healing.



I nostri Marò in India. La solidarietà del team Red Devils.
Il team Red Devils nelle ultime settimana ha mostrato la sua solidarietà nei confornti delle famiglie dei nostri Marò, trattenuti in India in seguito ad una vicenda ancora tutta da chiarire.
Aldilà della presa di posizione del nostro Governo e delle ragioni di Stato e commerciali che caratterizzano la vicenda Andrea Petricca, team manager, ha sentito il bisogno di comunicare affetto e sostegno ai nostri militari ed ai loro cari. L'invito a trascorrere qualche ora di serenità in occasione del Round di Monza non risolverà questa controversia internazionale, ma donerà forse un po' di sollievo in questo momento difficile.
Di seguito la lettera di ringraziamento della famiglia del Fuciliere Massimiliano La Torre, riportata per ricordare che i nostri ragazzi sono ancora lì e non li abbiamo dimenticati.

Siamo felici ed onorati di aver ricevuto  l'invito dal Signor Andrea Petricca  ad assistere al Campionato Mondiale di categoria Superbike.
Da tempo egli si e' accostato alla nota vicenda che vede tristemente coinvolti  due fucilieri della Marina Militare italiana da ormai 15 mesi ingiustamente prigionieri in India.
Non e' la prima volta che le moto del Team  "Red Devil" coordinate dal Team Manager Andrea Petricca corrono con il fiocco giallo (simbolo di solidarieta' per i nostri maro') impresso sulla carena delle loro moto al fine di sensibilizzare anche gli amanti della Superbike su questa situazione.
Non e' la prima volta che il mondo dello sport ci e' vicino, dimostrando che la maggior parte degli sportivi possiede amore per la giustizia ed attaccamento ai colori della nostra bandiera anche al di fuori del contesto sportivo , cosi come mio zio Massimiliano Latorre che da buon sportivo e grande italiano ha sempre dimostrato grande forza, dignita' e coraggio in una situazione che avrebbe messo a dura prova chiunque, con la tempra che solo un vero leone del San Marco possiede.
Auspichiamo che sia sempre tenuta alta l'attenzione su questa vicenda da parte degli italiani , sportivi e non.
Siamo certi che l'unione di intenti del nuovo governo sara' a breve risolutiva e che mio zio al piu' presto tornera' ad essere uno sportivo partecipe con la sua presenza, e non soltanto attraverso un fiocco giallo.

Grazie dal piu' profondo del nostro cuore agli organizzatori di questa splendida manifestazione per l'onore concessoci sperando che il loro esempio sia da traino anche per altre discipline.sportive,
alle istituzioni che ci sono sempre state vicine donandoci indispensabile supporto ed a tutti gli italiani che si sono dimostrati un grande popolo elargendo affetto e partecipazione.


La famiglia del FUCILIERE DI MARINA CAPO DI PRIMA CLASSE  MASSIMILIANO LATORRE

domenica 19 maggio 2013

Lowes con Frentubo vince a Monza


Dopo essersi assicurato ieri la pole position, il britannico Sam Lowes (Yamaha Yakhnich Motorsport) ha vinto il GP d’Italia della classe Supersport, una corsa che verrà sicuramente ricordata per la tripla ‘bandiera rossa‘ che ha annullatto le prime tre partenze e ha poi costretto gli organizzatori a spostare l’evento dopo la Gara-2 delle Superbike.
Inizialmente la gara avrebbe dovuto iniziare alle 13:30, ma un’incidente che ha coinvolto Sofouglu, Lowes, Zanetti e Marino alla variante della Roggia ha portato subito alla prima interruzione. Seconda partenza e nuova interruzione poco dopo a casa di un’uscita di pista all’Ascari della wild-card Alessia Polita con relativo principio d’incendio della sua Yamaha R6. Nuova partenza e nuovo crash in prima variante con protagonisti Cruciani e Zanetti, con conseguente terza bandiera rossa.
A questo punto la Direzione Gara decide di spostare tutto dopo la seconda gara delle Superbike - riducendo la distanza a soli 10 giri - ed alla ripresa delle ostilità finalmente fila tutto liscio, con Sam Lowes che va a vincere davanti al francese Florian Marino (Kawasaki Intermoto Ponyexpres, +0.798) e alla Honda del nostro Lorenzo Zanetti (Pata Honda World Supersport, +0.989). Quarta piazza per un’altro italiano, Riccardo Russo (Puccetti Racing Kawasaki, +1.342), che chiude davanti al britannico Kev Coghlan (Kawasaki DMC-Lorenzini Team, +1.487).
Per quanto riguarda gli altri piloti italiani, punti iridati anche per Luca Scassa (Kawasaki Intermoto Ponyexpres), ottavo a oltre 11 secondi dal vincitore, Luca Marconi (PTR Honda), decimo, Roberto Rolfo (ParkinGo MV Agusta Corse), undicesimo, e Raffaele De Rosa (Team Lorini), quindicesimo.
(motoblog.it)

domenica 12 maggio 2013

Grande Giugliano a Monza


Le nuvole e la pioggia hanno lasciato il posto al sole oggi a Monza, anche se per la seconda sessione di qualifiche di questa mattina la pista non era ancora completamente asciutta. Davide Giugliano e la sua squadra hanno proseguito nel lavoro di messa a punto della loro Aprilia RSV4 in funzione della Superpole del pomeriggio e delle due gare di domani. Giugliano non ha quindi forzato il suo ritmo e con il tempo di 1’44”639 ha chiuso le qualifiche al sesto posto assoluto, qualificandosi quindi per la sua quarta Superpole stagionale.
Nelle libere del pomeriggio il pilota del team Althea ha invece concluso al settimo posto con il crono di 1’43”322. Nella prima fase della Superpole Giugliano ha migliorato subito il suo miglior crono delle prove e con il tempo di 1’42”399 ha concluso al quarto posto classificandosi per la fase due. Nella seconda fase Davide ha ulteriormente abbassato il suo miglior crono ed il tempo di 1’42”106 gli è valso il quinto poto e l’accesso alla terza ed ultima fase della Superpole, nella quale il giovane pilota del team Althea ha fornito una ennesima grande prestazione, riuscendo ad abbattere il muro del 1’42 e facendo segnare un eccellente 1’41”926 che gli ha consentito di concludere in sesta posizione e di conquistare la seconda fila, nelle due gare che domani si disputeranno sulla distanza di 18 giri.
Davide Giugliano: “Sono molto soddisfatto. Ci stiamo costantemente migliorando. Abbiamo fatto dei passi avanti per tutto il weekend ed alla fine abbiamo fatto una buona Superpole. Certo il sesto posto finale non mi soddisfa, perché io sono veramente contento solo quando riesco a stare davanti, ma qui a Monza partire dalla seconda fila non è certo un dramma e anzi potrebbe anche essere una cosa positiva perché chi deve fare da lepre e condurre la gara deve anche sopportare una grande pressione ed una maggiore usura delle gomme. Saranno comunque due gare difficili ma la mia moto è a posto ed io ce la metterò tutta per conquistare dei buoni risultati. Grazie al mio team che ha fatto come sempre un lavoro fantastico”.
Genesio Bevilacqua: “Abbiamo fatto un buon lavoro, costante ed in progressione. La seconda fila ci soddisfa anche perché davanti a noi ci sono solo piloti di grande abilità ed esperienza che in gara potranno essere un riferimento per Davide. In gara poi il nostro pilota trova una determinazione maggiore rispetto alle prove e riesce dare il meglio di se. Il nostro obiettivo è come sempre quello di stare tra i migliori e di conquistare il miglior risultato possibile specialmente qui a Monza, davanti ai nostri tifosi”.

Pages

Follow by Email

Cerca nel blog

tubi freno cbr 600 f ABS 2011-2012 / cbr 600 f ABS 2011-2012 brake lines

152183 P/N 152183 Type 2 (RED covered) Front and rear-ALLUMINIUM fitting-(bursting pressure:850 Bar--approved to TuV Standards ...